menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gerusalemme, l'Ue critica Trump: “Il suo annuncio rischia di riportarci a tempi bui”

L'Alto rappresentante Mogherini: “La questione dello status della Città Santa si deve risolvere attraverso negoziati diretti tra le due parti”

La decisione di Donald Trump di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele rischia “di riportarci indietro in tempi ancora più bui di quelli che viviamo”. L'Ue “ha una posizione chiara e unita” per cui “l'unica soluzione realistica” per il conflitto palestinese “è basata sulla soluzione a due Stati con Gerusalemme capitale di Israele e Palestina”. L'Alto rappresentante per la politica Estera dell'Ue, Federica Mogherini, critica la scelta di Trump con cui, dice, è “in disaccordo” sia lei che tutti i 28 Stati membri. Per Mogherini la questione dello status della Città Santa può essere risolta solo “attraverso negoziati diretti tra le due parti” e non con atti unilaterali che non fanno altro infiammare la situazione. “Crediamo che questo momento difficile richieda un impegno ancora più forte per la pace”, o ora “la priorità più urgente è che tutti gli attori rilevanti evitino una escalation della violenza sul terreno”.

Ma la miccia è stata innescata e Hamas, attraverso il suo leader Ismail Haniyeh, ha annunciato il lancio di una intifada contro Israele. “Il riconoscimento di Gerusalemme quale capitale di Israele è una dichiarazione di guerra nei nostri confronti. Domani venerdì 8 dicembre sarà il giorno dell’ira e l’inizio di una nuova intifada chiamata ‘la liberazione di Gerusalemme'”, ha dichiarato Haniyeh. Abu Mazen da parte sua ha assicurato che farà il possibile perché le reazioni in Palestina “avvengano in modo pacifico”, ha affermato Mogherini che ha sentito telefonicamente il presidente dell'Autorità nazionale palestinese a cui ha ribadito che “la posizione dell’Ue su Gerusalemme e sulla soluzione a due Stati non è cambiata”.

Per l'Alto rappresentante “una escalation di violenza potrebbe solo peggiorare la situazione”, e per questo la decisione di Trump è un pericolo in quanto gli Stati Uniti svolgono un ruolo “cruciale” nel processo di pace e ora dopo questa mossa invece “potrebbe diminuire il potenziale ruolo che gli Stati Uniti possono giocare” e “crea più confusione”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Perché l’Italia è il primo Paese Ue a bloccare l’export di vaccini

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento