La Germania ha deciso: il vaccino per il coronavirus sarà volontario

Il governo è convinto che si riuscirà comunque a raggiungere un'ampia fetta della popolazione che accetterà la somministrazione. Ma avverte: “Non sarà pronto prima della metà del 2021”

La sperimentazione del vaccino per il Covid-19 - foto Ansa EPA/UPCH

Quando sarà finalmente pronto il vaccino contro il Covid-19 sarà somministrato alla popolazione solo su base volontaria, senza nessun obbligo. È questa la decisione della Germania comunicata dal ministro della Salute, Jens Spahn. "Il vaccino anticoronavirus sarà volontario", ha affermato in conferenza stampa a Berlino l'esponente della Cdu di Angela Merkel.

Per raggiungere la cosiddetta immunità di gregge è necessario che si lasci vaccinare fra il 55% e il 65% della popolazione, ma il governo è ottimista. "Siamo molto fiduciosi che raggiungeremo l'obiettivo di un'alta quota di vaccinati sulla base della volontarietà", ha dichiarato Spahn ricordando che questo vaccino è un "progetto europeo". Per questo le dosi dovranno essere divise tra gli Stati membri. "Germania, Francia e Italia, con la Commissione europea, hanno deciso di non procedere solo per i propri paesi, ma per tutti e 27 i paesi europei, per tenere in considerazione anche le economie più deboli dell'Unione", ha garantito il ministro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I tempi però perché si arrivi al suo completamento e per garantire, grazie alla sperimentazione che sia efficace e sicuro, non saranno brevissimi come alcuni prevedono. “Dobbiamo essere pronti al fatto che non ci sarà un vaccino fino alla metà del prossimo anno", ha detto la ministra tedesca per la Ricerca Anja Karliczek. Questo perché la Germania "non prenderà rischiose scorciatoie" nella ricerca, "anche adesso che il mondo sta aspettando" la cura, perché "questo fa parte della verità, non siamo ancora così avanti nello sviluppo", da poterci fidare di quanto appurato finora nella sperimentazione. "Non devieremo da questa strada né in Germania né in Europa. E ritengo che tutti i Paesi del mondo debbano procedere in questo modo”, ha concluso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Svezia non c'è la seconda ondata, l'epidemiologo di Stato: "La nostra strategia è sostenibile"

  • “Maxi-riciclaggio da 2mila miliardi”. Trema il settore bancario: coinvolti tre istituti europei

  • “Salvini marionetta di Putin”, l'alleato di Berlusconi attacca la Lega

  • L'Irlanda mette in quarantena chi arriva dall'Italia

  • Ryanar taglia il 40% dei voli a ottobre e accusa i governi Ue: "Cattiva gestione della crisi Covid"

  • Nuovi lockdown a Madrid, a Marsiglia terapie intensive piene. In Ue avanza la seconda ondata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento