rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Attualità

Quasi 200 morti in un giorno in Germania. E il governo guarda all'Italia: più controlli su Green pass

Nel Paese crescono contagi e decessi. Il ministro della Salute attacca le regioni: "Serve impegno maggiore su terza dose"

Nelle ultime 24 ore in Germania ci sono stati 194 morti "con e per Covid", circa il 70% in più rispetto a una settimana fa. Un aumento che preoccupa, e non poco, il governo. Che punta il dito contro i non vaccinati, ma anche contro la strategia di contrasto al virus concordata con le regioni. Tanto che il ministro della Salute ha tirato pubblicamente le orecchie al suo Paese indicando come modello l'Italia: "Se il mio certificato vaccinale in un giorno a Roma viene controllato più di quanto lo sia in quattro settimane in Germania, allora penso che si possa fare di più", ha detto Jens Spahn in conferenza stampa.

Morti in aumento

Il bilancio giornaliero di vittime legate al coronavirus in Germania è salito di nuovo "oltre 100" per il secondo giorno di fila, sottolinea l'istituto Robert Koch nel suo ultimo bollettino, mentre i nuovi contagi sono stati oltre 20mila. "Nelle ultime 24 ore si sono registrati 194 decessi con e per Covid, una settimana fa erano stati 114. I numeri sono preoccupanti", ha aggiunto il presidente dell'ente tedesco, Lothar Wieler. 

Le terza dose

E la preoccupazione è condivisa anche dal ministro della Salute, secondo cui la pandemia di Covid-19 è "tutt'altro che finita" in Germania e ora colpisce "soprattutto i non vaccinati" contro il coronavirus. Intervistato dal quotidiano "Frankfurter Allgemeine Zeitung", Spahn ha criticato i Laender per i ritardi nelle vaccinazioni e nei richiami. A oggi, crica l'80% della popolazione aduta tedesca ha completato la vaccinazione primaria, un dato che colloca il Paese tra i primi in Ue per tasso di immunizzazione. Ma a preoccupare Spahn è il "booster", ossia la terza dose, su cui il mondo politico (e accademico) tedesco è diviso.

Sebbene tre mesi fa il governo federale abbia concordato con gli Stati tedeschi che tale somministrazione debba essere offerta in via prioritaria ai residenti nelle strutture di assistenza e a tutti gli ultrasessantenni (anche perché in Germania gli operatori sanitari e delle Rsa non hanno l'obbligo di vaccinazione), da allora le dosi inoculate sono state "soltanto due milioni".  Spahn ha quindi ribadito che i Laender dovrebbero riattivare i centri di vaccinazione, al momento in pausa. Al riguardo, il ministro della Salute tedesco ha evidenziato: "Troppe persone che intendono essere vaccinate non riescono attualmente a trovare un medico per vaccinarle". 

Il Green pass

Spahn ha anche criticato la blanda applicazione del Green pass. E su questoi ha elogiato l'Italia: "Se il mio certificato vaccinale in un giorno a Roma viene controllato più di quanto lo sia in quattro settimane in Germania, allora penso che si possa fare di più", ha detto invitando a effettuare più controlli nei locali e nei luoghi pubblici tedeschi dove il certificato Covid è richiesto per l'accesso. "Se il maggior numero possibile di persone sarà vaccinato e se tutti applicheremo le misure in modo coerente, potremo prevenire molti casi gravi e allora salveremo molte vite", ha detto Wieler. E Berlino pensa per questo a una stretta solo per chi non ha ricevuto le dosi. "Se la situazione pandemica si aggrava ulteriormente negli ospedali, le nuove restrizioni sono possibili solo per chi non è vaccinato", ha detto Steffen Seibert, il portavoce del governo tedesco. "La cancelliera è molto preoccupata", ha aggiunto il portavoce, secondo il quale l'esecutivo è favorevole "ad un rafforzamento delle regole" che limitano l'accesso ai vaccinati e a chi ha un tampone negativo in Germania. Ieri è stata la stessa Angela Merkel, in una riunione dei vertici della Cdu, ad evocare "forti limitazioni" nei confronti dei non vaccinati per contrastare la pandemia da coronavirus.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quasi 200 morti in un giorno in Germania. E il governo guarda all'Italia: più controlli su Green pass

Today è in caricamento