Munizioni difettose e aerei che non volano, l’esercito tedesco dimenticato da Berlino

Lo stato di salute de Bundeswehr nel rapporto pubblicato a fine gennaio. Gli impegni in ambito Nato l’occasione per rilanciarlo

La ministra della Difesa Ursula von der Leyen con un gruppo di militari

Altro che difesa comune. In Germania la priorità sembra essere la difesa nazionale. Aerei che non volano, sottomarini che non possono essere usati, navi che non possono salpare. Per non palmare delle munizioni, poche e difettose, incapaci di centrare l’obiettivo in ambienti troppo caldi. Lo stato dell’esercito tedesco oggi lascia a desiderare. Persino le divise scarseggiano. Un segno dei tempi.

Soldati demoralizzati

La grande potenza militarista che fu, ha investito sempre meno nel settore. Il risultato è quello riassunto da Hans-Peter Bartels, deputato socialdemocratico. “Non c'è né abbastanza personale né materiale, e spesso si incontrano carenze su carenze”. L’esponente dell’Spd parla con cognizione di causa: è incaricato di monitorare il Bundeswehr (l’esercito tedesco) per conto del Bundestag (il Parlamento federale). L’ultima relazione pubblicata, a fine gennaio, stabilisce “le truppe sono lungi dall'essere completamente equipaggiate”.

E c’è di più. Lo stesso documento rivela che a fine dello scorso anno risulta che meno del 20% degli elicotteri da combattimento e meno del 30% dei suoi 136 jet Eurofighter era in grado di volare. Una situazione che demotiva e demoralizza sempre più i piloti, che continuano a lasciare i reparti dell’esercito.

La pressione di Trump

Lo stato di abbandono delle forze armate tedesche è evidente. La pressione degli Stati Uniti su tutti i membri della Nato a investire di più nella difesa è dunque uno stimolo in più per Berlino. Già l’amministrazione Obama aveva esortato gli alleati europei a spendere di più, e l’amministrazione Trump ha rilanciato con maggior vigore la linea della Casa Bianca.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Resta da vedere se le pressione sortiranno effetti. “Tutto richiede troppo tempo e costa troppo”, sintetizza Bartels. “È come se tempo e denaro fossero risorse infinite e alla fine nessuno si assume la responsabilità” di investire nell’uno e gli altri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Svezia sicura della sua strategia, elimina anche le restrizioni per anziani e vulnerabili

  • L'Olanda manda i malati di Covid in Germania: "Nelle terapie intensive solo 200 posti ancora liberi"

  • Dopo la Brexit il Regno Unito pensa di espellere i senzatetto stranieri

  • La Corte Ue "salva" il taglio dei vitalizi agli eurodeputati italiani

  • Erdogan su Macron: "Ha problemi mentali". Conte col presidente francese: "Parole inaccettabili"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento