menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Angela Merkel - Foto Ansa  EPA/CLEMENS BILAN

Angela Merkel - Foto Ansa EPA/CLEMENS BILAN

Il giorno più triste per la Germania, mai così tanti morti. E Berlino scavalca l'Ue sui vaccini

Nuovo record di decessi nel Paese, 1.188 decessi in 24 ore, mentre il governo corre ad accaparrarsi più dosi. Merkel avverte: "Abbiamo ancora davanti a noi i mesi peggiori della pandemia"

Nuovo triste record di morti in Germania a causa della pandemia di coronavirus. Secondo i dati dell'Istituto Robert Koch in 24 ore nel Paese sono stati confermati 1.188 decessi legati al Covid-19 (più dei 1.129 registrati il 30 dicembre, precedente record negativo) che portano il bilancio a 38.795 morti. Secondo l'istituto sono 31.849 i nuovi casi diagnosticati con il totale dall'inizio della pandemia salito a 1.866.887. Al momento i casi 'attivi' sono circa 334.200 mentre sono circa 1.494.100 le persone guarite dopo aver contratto il Covid-19.

Il peggio deve ancora venire

"Abbiamo ancora davanti a noi i mesi peggiori della pandemia", ha avvertito la cancelliera Angela Merkel mentre il Paese continua la sua corsa a vaccinare la popolazione. Berlino si è assicurata la fornitura di 140 milioni di dosi dalle aziende per le biotecnologie tedesche Biontech e Moderna, secondo quanto dichiarato il ministro della Salute tedesco, Jens Spahn. Come riferisce il quotidiano "Frankfurter Allgemeine Zeitung", in questo modo Spahn ha risposto alla critiche di quanti lo hanno accusato per le carenze e i ritardi nella campagna di vaccinazione contro il Covid-19. Per il ministro della Salute tedesco, tali inefficienze sondo dovute più a difficoltà nella logistica e alla mancanza di personale medico che a difficoltà nell'approvvigionamento. Secondo quanto spiegato la Germania riceve 50 milioni di dosi da Moderna. A sua volta, Biontech consegna al governo federale 64 milioni di fiale nel quadro dei contratti stipulati dalla Commissione europea. Altri 30 milioni di dosi sono fornite in base a una lettera d'intenti firmata l'8 settembre dall'esecutivo tedesco e dall'azienda, quindi al di fuori degli approvvigionamenti comunitari.

La corsa alle vaccinazioni

Come riferisce il quotidiano "Sueddeutsche Zeitung", ai Laender verranno consegnate 668 mila fiale a settimana, in proporzione alla popolazione. Poiché devono essere somministrate due dosi del vaccino, circa 2,7 milioni di tedeschi potrebbero ricevere una vaccinazione completa entro la metà di febbraio. Intanto, presso il proprio impianto di Marburg che diverrà operativo a febbraio, Biontech pianifica di produrre 750 milioni di dosi di vaccino, di cui 250 milioni nella prima metà del 2021. Il governo tedesco ha concluso accordi bilaterali per la fornitura del vaccino, analoghi a quello con Biontech, con Curevac e Idt. Al momento la Germania con 417mila dosi somministrate è il primo paese in Europa, superato solo dall'ex membro dell'Ue regno Unito, che già ha vaccinato 1,3 milioni di persone, bruciando tutti sul tempo e nella velocità. L'Italia è subito dietro i tedeschi con 314mila dosi somministrate al sei gennaio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento