rotate-mobile
Sabato, 2 Marzo 2024
La stretta / Francia

La Francia blinda i confini per fermare i migranti in arrivo dall'Italia

Schierato un elicottero e anche l'antiterrorismo a Ventimiglia per evitare gli attraversamenti irregolari, ma al momento la situazione sembra essere tranquilla

La Francia ha deciso di aumentare i controlli al confine Italiano, soprattutto nella zona di Ventimiglia, per evitare attraversamenti irregolari di migranti. Alla frontiera è stato inviato un elicottero e addirittura è stato mobilitato l'antiterrorismo. A Sospel sono visibili alcuni mezzi con la scritta "Mission Vigipirate", (che sta per VIGIlance et Protection des Installations contre les Risques d'Attentat Terroriste à l'Explosif, vigilanza e protezione dei servizi contro il rischio di attentati terroristi esplosivi) e fa riferimento ad un piano di sicurezza ideato nel 1978 dal presidente della Repubblica Valéry Giscard d'Estaing, piano che poi ha subito revisioni nel 1995, nel 2000 e nel 2004. L'elicottero sta invece sorvolando la zona compresa tra il confine italo francese di Ponte San Ludovico e quello a monte, di San Luigi, a Ventimiglia. Il monitoraggio dall'alto serve ad identificare più facilmente eventuali attraversamenti.

"Meloni non faccia scappare i migranti in altri Stati e riprenderemo i trasferimenti in Germania"

Dopo l'esplosione della nuova crisi a Lampedusa, con migliaia di persone che sono sbarcate sull'isola siciliana, le autorità francesi hanno intensificato i controlli sul versante di propria competenza della val Roya, contro l'eventuale arrivo di migranti attraverso i sentieri che collegano le due nazioni. La vigilanza è stata potenziata anche sui treni, non soltanto della rotta Ventimiglia-Nizza, ma anche delle linee Ventimiglia-Cuneo e Breil-Nizza. Il ministro dell'Interno di Parigi, Gerald Darmanin, ha incontrato a Roma ieri il suo omologo Matteo Piantedosi, per discutere di come aiutare il nostro Paese. La Francia di Emmanuel Macron ha promesso solidarietà, ma ha anche chiarito che non accoglierà migranti irregolari, al massimo richiedenti asilo che hanno ottenuto lo status di rifugiati.

La Francia avverte: "Non accoglieremo migranti irregolari da Lampedusa"

Nonostante i maggiori controlli al confine al momento la situazione sembra normale, e sono lontane le scene di persone bloccate in strada che si sono viste durante la crisi dell'estate del 2015. "Penso che in Francia, nonostante il rafforzamento dei controlli, i migranti alla spicciolata continuino a passare. Lo dimostra il fatto che a Ventimiglia non si vedono migliaia di persone accampate come nell'estate del 2015, quando la stazione ferroviaria era invasa di profughi. Mi sembra che il braccio di ferro del governo francese abbia più un significato mediatico, per tranquillizzare i cittadini, ma nel concreto penso sia impossibile fermare i migranti", ha detto una cittadina del luogo all'Ansa.

Nel frattempo sono iniziati sul versante francese della frontiera di Ponte San Ludovico, a Ventimiglia, i lavori di realizzazione di un centro di identificazione attraverso il quale le autorità di Parigi valuteranno la posizione giuridica dei migranti ed eventuali richieste di asilo. Con una nota il sindaco di Mentone, Yves Juhel, ha specificato che "per far fronte all'annunciato afflusso di migranti non regolari, un terreno comunale accanto al posto di frontiera e ai servizi di polizia di frontiera potrebbe essere messo a disposizione dei servizi dello Stato e della Protezione civile". Una situazione transitoria per permettere di gestire amministrativamente i migranti adulti che cercano di entrare in Francia senza permesso di soggiorno, in modo che la loro richiesta possa essere valutata. In caso di diniego, verranno riaccompagnati alla frontiera italiana.

Continua a leggere su Europa.Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Francia blinda i confini per fermare i migranti in arrivo dall'Italia

Today è in caricamento