La Finlandia non si fida dell'Italia: no al fondo Ue anti-disoccupazione

Il governo di Helsinki, guidato dal centrosinistra, si oppone al Sure, il programma di prestiti proposto dalla Commissione europea che consentirebbe di finanziare i datori di lavoro e bloccare i licenziamenti. Il motivo? Il rischio che alcuni Paesi non riescano a pagare le garanzie

La premier finlandese Sanna Marin

In queste settimane, la nostra opinione pubblica ha assegnato all'Olanda il ruolo del Paese cattivo che si oppone a meccanismi di solidarietà europea verso l'Italia. Ma dietro le quinte dei negoziati europei, il fronte del rigore (o degli scettici verso la nostra classe dirigente) è ben più vasto. E riguarda anche il governo a guida femminile e di centrosinistra della 35enne premier Sanna Marin. Che in occasione del delicatissimo vertice Ue del 23 aprile potrebbe opporsi non solo agli eurobond richiesti dal fronte del Sud. Ma anche al Sure, il fondo anti-disoccupazione proposto dalla Commissione europea. 

Il motivo è che Helsinki teme che alcuni Stati membri, tra cui l'Italia, potrebbero venire meno ai loro obblighi costringendo i Paesi con le casse più sane ad aumentare i loro contributi al Sure. Questo fondo, infatti, si basa su 25 miliardi di garanzie poste dai vari Stati membri, grazie ai quali la Commissione riuscirebbe a raccogliere 100 miliardi sui mercati dei capitali per poi distribuirli ai Paesi per finanziare i datori di lavoro e impedire i licenziamenti. Un quinto di queste risorse, circa 20 miliardi, potrebbero andare all'Italia. Ma non è tanto questo il problema della Finlandia. Il timore, come dicevamo, è che Stati con le finanze traballanti possano non versare le garanzie una volta che il Sure sarà entrato in funzione. Cosa che costringerebbe gli altri ad aumentare il proprio esborso. 

Per tale ragione, la ministra delle Finanze finlandese Katri Kulmuni ha già detto ai suoi colleghi Ue che il governo potrebbe non aderire al Sure, anche per via dei dubbi del Parlamento, cui spetta l'ultima parola in merito. Sebbene questo fondo possa teoricamente essere adottato dalla maggioranza dei due terzi dei Paesi dell'Ue, perché funzioni nella pratica ha bisogno che tutti gli Stati forniscano le loro garanzie finanziarie. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La posizione del governo di Helsinki, non stupisce: già in passato la Finlandia, che come tutti i Paesi scandinavi è molto geloso del proprio sistema di welfare, aveva manifestato resistenze alle proposte Ue volte ad omologare le politiche sociali degli Stati membri. In questo caso, pero', l'opposizione al Sure potrebbe essere una mossa tattica per "disturbare" i negoziati del prossimo vertice Ue. Dove in ballo c'è il ben più importante Fondo per la ricostruzione, compresi quei 'recovery bond' o eurobond contro cui sono schierati la stessa Finlandia, Austria, Olanda e Germania.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Svezia non c'è la seconda ondata, l'epidemiologo di Stato: "La nostra strategia è sostenibile"

  • “Salvini marionetta di Putin”, l'alleato di Berlusconi attacca la Lega

  • La Germania ha deciso: il vaccino per il coronavirus sarà volontario

  • Ryanar taglia il 40% dei voli a ottobre e accusa i governi Ue: "Cattiva gestione della crisi Covid"

  • L'Irlanda mette in quarantena chi arriva dall'Italia

  • Sempre più Tory contro la violazione dei patti sulla Brexit, Cameron quinto ex premier a dire no

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento