rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Guerra in Ucraina

Il filosofo russo Dugin finisce nella lista nera Ue assieme a due cantanti

L’ideologo dell’invasione dell’Ucraina sanzionato da Bruxelles per aver “giustificato ideologicamente e teologicamente l'annessione della Crimea e la guerra di aggressione”

Non solo politici e militari. La nuova lista nera Ue delle persone ed entità russe sanzionate in quanto responsabili dell’invasione in Ucraina include anche personalità civili e senza incarichi di governo, a partire da due cantanti. Ma il nome che salta all’occhio è quello di Aleksander Dugin, famoso filosofo e politologo nonché padre di Darya Dugina, il volto noto della tv russa assassinata ad agosto in un attentato a Mosca. 

Dugin è finito nel mirino dell’Ue perché “è responsabile, sostiene e attua azioni o politiche che minano o minacciano l'integrità territoriale, la sovranità e l'indipendenza dell’Ucraina”, ha stabilito il Consiglio Ue, che oggi ha approvato l’ottavo pacchetto di sanzioni alla Russia dall’inizio della guerra. Il filosofo viene accusato di aver “giustificato ideologicamente e teologicamente l'annessione della Crimea e la guerra di aggressione della Russia contro l'Ucraina, vedendola come una "liberazione" dell'Ucraina dall'influenza occidentale”. Di qui l’inserimento nella ‘blacklist’ europea.

"C'è l'Ucraina dietro all'uccisione di Darya Dugina": perché la soffiata Usa sull'attentato arriva solo oggi

Oltre al filosofo, sono stati sanzionati anche i cantanti Yulia Chicherina e Nikolay Rastorguev. La prima è accusata di usare “la sua notevole importanza per minare o minacciare pubblicamente l'integrità territoriale e la sovranità dell’Ucraina", ad esempio “denigrando i simboli della statualità ucraina e mostrando pubblicamente il suo sostegno all'annessione russa”. Rastorguev invece “ha attivamente sostenuto la guerra di aggressione” attraverso “le sue esibizioni musicali e attività pubbliche” partecipando “alla manifestazione di propaganda a sostegno dell'annessione illegale della Crimea e della guerra contro l'Ucraina, avvenuta il 18 marzo 2022 allo stadio Luzhniki di Mosca”. Inoltre, “si è esibito per i soldati che combattevano nella guerra contro l'Ucraina e ha donato fondi al Donbas occupato dai russi”, si legge nel documento Ue. 

Le nuove misure restrittive includono 30 personalità e 7 entità che hanno fatto salire il totale dei sanzionati a 1.236 persone e 115 entità. Le sanzioni prevedono il congelamento dei beni nell’Ue e un divieto di viaggio che impedisce di entrare o transitare nei territori dei Paesi Ue.

Tra gli altri nuovi sanzionati ci sono diversi ufficiali militari e politici che hanno avuto un ruolo “nell'organizzazione dei referendum falsi e illegali che si sono tenuti in alcune parti delle regioni ucraine di Donetsk, Kherson, Luhansk e Zaporizhzhia e nella loro annessione illegale”, ha annunciato il Consiglio Ue. Nel mirino sono finiti anche i rappresentanti del settore industriale della difesa russa, come il maggiore azionista dell’azienda di armi JSC Kalashnikov Concern, Alan Lushnikov.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il filosofo russo Dugin finisce nella lista nera Ue assieme a due cantanti

Today è in caricamento