rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Attualità

La figlia di Navalny riceve il Sakharov a nome del padre: "Segnale per chi continua a lottare"

L'oppositore di Putin è ancora i galera, Daria Navalnaya a Strasburgo: "Bisogna fare tutto il possibile affinché sia rilasciato e io credo che con il vostro aiuto questo sia possibile"

La figlia di Alexei Navalny, Daria Navalnaya, ha ricevuto il Premio Sacharov del Parlamento europeo a nome del padre detenuto durante una cerimonia che si è tenuta durante la plenaria di Strasburgo. La giovane di 20 anni, nel ritirare il riconoscimento per la libertà di pensiero, ha detto che è stato “un grande onore” e un “segnale per chi continua a lottare”. "Bisogna fare tutto il possibile affinché mio padre sia rilasciato e io credo che con il vostro aiuto questo sia possibile", ha affermato la giovane.

E il rilascio immediato e incondizionato" di Navalny lo ha chiesto anche il presidente del Parlamento, David Sassoli, definendo l'oppositore di Vladimir Putin “un prigioniero politico”. “Il coraggio che ha dimostrato Alexei desta stupore e ammirazione: lo hanno minacciato, maltrattato, avvelenato, arrestato ed incarcerato, ma non sono riusciti a metterlo a tacere", ha aggiunto il presidente.

Nel suo discorso in Aula Daria Navalnaya ha chiesto all'Europa di rimanere fedele ai suoi ideali: “Quando ho scritto a mio padre e ho chiesto: 'Cosa vuoi che dica esattamente nel discorso dal tuo punto di vista?', lui ha risposto: Dì che nessuno può osare equiparare la Russia al regime di Putin. La Russia fa parte dell'Europa e lottiamo per diventarne parte. Ma vogliamo anche che l'Europa si impegni per se stessa, per quelle idee sorprendenti, che sono al suo centro. Ci impegniamo per un'Europa delle idee, la celebrazione dei diritti umani, la democrazia e l'integrità”.

Nell'agosto 2020, Navalny è stato avvelenato e ha trascorso mesi a riprendersi a Berlino. Al suo ritorno a Mosca nel gennaio 2021 è stato arrestato ed è ora in una colonia penale di massima sicurezza, con più di due anni di condanna ancora da scontare per aver violato sistematicamente i termini della libertà condizionale che gli era stata concessa in seguito a un'atra condanna ricevuta nell’ambito del processo Yves Rocher del 2014 in cui era accusato di appropriazione indebita. L'uomo, che afferma che si tratta di una punizione per la sua militanza anti Putin, ha iniziato un lungo sciopero della fame alla fine di marzo 2021 per protestare contro la sua mancanza di accesso alle cure mediche. Nel giugno 2021, un tribunale russo ha definito l'organizzazione di Alexei Navalny, la Fondazione anticorruzione, e i suoi uffici regionali "gruppi estremisti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La figlia di Navalny riceve il Sakharov a nome del padre: "Segnale per chi continua a lottare"

Today è in caricamento