Domenica, 17 Ottobre 2021
Attualità

Festa in commissariato in barba alle regole e ballando la Macarena, bufera sulla polizia francese

Le misure imposte per fermare la pandemia ignorate proprio da coloro che sono chiamate a farle rispettare, comminando anche multe salate. Il video del party illegale è stato pubblicato da una testata locale

In circa venti a fare festa senza mascherina e senza alcun distanziamento sociale, anzi ballando spensieratamente al ritmo della Macarena. A violare le regole imposte per frenare l'avanzata della pandemia in Francia sono stati proprio coloro che dovrebbero dare l'esempio e che quelle regole sono chiamati a far rispettare, con multe salatissime, i poliziotti.

Il video

Sta facendo discutere un video che sarebbe stato girato lo scorso 22 gennaio nel commissariato di Aubervilliers, a nord di Parigi, in cui gli agenti hanno organizzato una festa per la partenza di una collega, con tanto di alcolici, stuzzichini e musica di sottofondo. Le immagini amatoriali sono state pubblicate dal sito di informazione "Loopsider", provocando polemiche e conseguenti sanzioni nei confronti degli agenti. "Una festa è stata organizzata nel commissariato di Aubervilliers mentre il coprifuoco è in vigore e senza nessun rispetto delle misure di distanziamento sociale. Un'inchiesta amministrativa è stata lanciata e delle sanzioni saranno prese nei confronti dei partecipanti", ha scritto su Twitter la prefettura, anche se non è ancora chiaro quale è stata la punizione decisa per i partecipanti alla festa. Party e altri "raduni conviviali" sono vietati in tutti i commissariati di polizia. Mascherine e distanziamento sociale sono obbligatori e il numero di persone ammesse in ogni stanza è limitato per tenere a bada il virus, con un massimo consigliato di sei persone.

Le critiche

"Dal punto di vista della salute è stato un geto irresponsabile. Stiamo lottando per avere un centro di vaccinazione, per dare la mensa scolastica ai bambini, rispettando tutte le norme sanitarie in modo che possano continuare nonostante il virus, e nel frattempo accadono cose del genere. Come è possibile?", si è chiesta la sindaca di Aubervilliers, Karine Franclet, dicendo alla radio France Bleu di essere sconvolta. Il sindacato ha però difeso gli agenti chiedendo di non imporre sanzioni “sproporzionate” in quanto si trattava di uno “stupido errore” che deve essere “contestualizzato e non esagerato”.

I contagi

Mercoledì il Paese ha registrato il più grande numero di contagi giornalieri da metà novembre, con ulteriori 27mila infezioni. Il ministro della Salute Olivier Veran ha detto ieri che le misure del coprifuoco sono "probabilmente insufficienti" per frenare la crescente circolazione di nuove varianti di Covid-19. La Francia ha imposto un coprifuoco notturno di 12 ore due settimane fa che inizia alle 18. Dopo quell'orario si può ancora uscire ma solo per motivi urgenti o di lavoro, ma serve una autocertificazione o un attestato firmato dal datore di lavoro se si esce per ragioni professionali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa in commissariato in barba alle regole e ballando la Macarena, bufera sulla polizia francese

Today è in caricamento