rotate-mobile
Venerdì, 27 Maggio 2022
Attualità

Strasburgo chiede di abbassare il costo dei farmaci

Gli eurodeputati vogliono maggiore trasparenza, finanziamenti e partenariati pubblico-privati

Farmaci più accessibili e convenienti per tutti: è quanto chiedono gli eurodeputati riuniti in sessione plenaria a Strasburgo. Aumentare la trasparenza dei prezzi e promuovere un sistema comunitario di appalti pubblici sono due punti chiave della risoluzione adottata a larghissima maggioranza dall’emiciclo.

Nel documento è contenuta anche la richiesta di far fronte alle cause primarie della carenza di medicinali, oltre a quella di garantire ai pazienti l’accesso a trattamenti farmaceutici sicuri, economici ed efficaci. Anche la trasparenza dei prezzi va migliorata secondo i parlamentari, così come va aumentato il finanziamento pubblico per la ricerca e lo sviluppo e va rafforzata la capacità di produzione e di approvvigionamento.

Una delle lezioni principali che secondo gli eurodeputati vanno tratte dalla pandemia è l’importanza di una stretta collaborazione a livello europeo sul tema della salute, insieme a una politica per rendere i sistemi sanitari nazionali più sostenibili e resistenti. Per i rappresentanti dei cittadini, l’Ue deve ripristinare l’indipendenza del suo approvvigionamento farmaceutico e rafforzare i partenariati pubblico-privati. I parlamentari hanno anche chiesto un quadro normativo aggiornato e solido che garantisca la sicurezza e l’efficacia dei prodotti farmaceutici, la definizione di prezzi equi e trasparenti, e la promessa che l’industria rispetti i propri impegni ambientali.

“La risoluzione migliora la strategia farmaceutica dell’Ue in vista della prossima revisione e aggiornamento della relativa legislazione, mettendo i pazienti al centro delle politiche sanitarie. Dobbiamo affrontare con fermezza le necessità mediche insoddisfatte e favorire l’accesso ai farmaci, rendendo i nostri sistemi sanitari nazionali più sostenibili”, ha dichiarato la relatrice dei Popolari, Dolors Montserrat. Allo stesso tempo, ha aggiunto, "dobbiamo rafforzare i partenariati pubblico-privati dell’Ue per dare vita a un’industria farmaceutica strategicamente autonoma e resiliente, sostenuta da un programma di incentivi efficace e governata da un sistema normativo stabile, aggiornato e incentrato sulla sicurezza”.

La risoluzione approvata si colloca nel contesto degli sforzi del Parlamento europeo per dare seguito alla Strategia farmaceutica per l’Europa, adottata dalla Commissione nel novembre 2020, nel quadro della cosiddetta Unione europea della salute. L’obiettivo sarebbe dare alla politica farmaceutica comune una visione a lungo termine, resistente alle crisi e sostenibile, che rafforzi la leadership globale dell’Ue e che consenta l’accesso ai farmaci per i pazienti a prezzi accessibili.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strasburgo chiede di abbassare il costo dei farmaci

Today è in caricamento