Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Farage offende il Belgio: "Non esiste". L'ex premier ribatte: "Vedrà quanto è vero ai Mondiali quando sfideremo l'Inghilterra"

Botta e risposta al Parlamento europeo tra l'euroscettico britannico e Guy Verhofstadt. Le rispettive nazionali di calcio sono nello stesso girone della Coppa in Russia

 

L'ex leader dell'Ukip Nigel Farage offende il Belgio, sostenendo che non è una nazione. "Il Belgio non è una nazione e forse è per questo che siete contenti di accedere a un livello europeo superiore", ha detto Farage prendendo la parola al Parlamento Ue a Bruxelles. "Vogliamo vivere in Stati-nazione, non in false creazioni artificiali", ha aggiunto. Immediata la reazione del premier belga, Charles Michel, che ha accusato Farage di "scivolare nel populismo e nell'estremismo". Nella polemica si è inserito anche l'ex premier belga Guy Verhofstadt, attualmente capo negoziatore dell'Europarlamento per la Brexit ed ex primo ministro belga, che l'ha buttata sulla rivalità calcistica. "Vedrà quanto è vero il Belgio quando giocheremo contro l'Inghilterra il 28 giugno ai Mondiali", ha scritto Verhofstadt su Twitter. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
EuropaToday è in caricamento