Farage ai 5 Stelle: altro che Verdi, nel prossimo Parlamento create super gruppo euroscettico

Il Leader dell'Ukip, che nella prossima legislatura non sarà a Strasburgo per la Brexit, invita il Movimento a lavorare per unire i partiti critici verso l'Unione: “Gli elettori italiani hanno parlato, ascoltateli”

Né con i Verdì né con Macron, il Movimento 5 Stelle nella prossima legislatura europea deve ascoltare “gli elettori italiani” e contribuire a creare un nuovo super gruppo di euroscettici. È l'augurio di Nigel Farage, fondatore dell'Ukip, partito che a Strasburgo siede nell'Efdd insieme ai pentastellati ma che nella prossima Assemblea comunitaria non avrà diritto ad alcuni scranno, come tutti i partiti britannici, che saranno ormai fuori dall'Unione per la Brexit. “Al momento abbiamo tre gruppi euroscettici nel Parlamento Europeo, ma i Conservatori stanno uscendo, e lo Ukip pure. Quindi, è tutto da decidere", ha spiegato Farage rispondendo a margine dei lavori del Consiglio Europeo, a chi gli chiedeva che cosa faranno a suo parere i Cinque Stelle nel 2019 dopo le elezioni europee.

Per il politico britannico occorrerà vedere "se è possibile formare un supergruppo di euroscettici nel prossimo Parlamento: se guardo ai numeri, sarebbe più grande dei Socialisti, dopo le prossime elezioni", ha affermato. "Non posso predire se avremo tre, due gruppi o uno solo, ma sento qualcosa: sento che alcune rivalità che c'erano prima sono molto minori oggi, perché ci sono obiettivi comuni molto chiari. A me la possibilità di riunirsi in due gruppi, o forse uno, oggi sembra molto più grande" che in passato, ha continuato Farage.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma tra i Cinque Stelle le posizioni sull'Ue sono molto variegate, non riducibili unicamente all'euroscetticismo, e non a caso ci sono stati in passato sia contatti con i Verdi, sia con En Marche di Emmanuel Macron, che insieme agli spagnoli di Ciudadanos sta puntando a creare un gruppo di “progressisti” europei per la prossima legislatura comunitaria. I 5 Stelle, ha continuato Farage “hanno posizioni diverse, è assolutamente vero ma ultimamente la cosa in cui credono di più è la democrazia diretta e ascoltare gli elettori. E gli elettori italiani hanno parlato: i Cinque Stelle lo capiscono molto bene".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Svezia sicura della sua strategia, elimina anche le restrizioni per anziani e vulnerabili

  • Altro che Mes, l'Italia pronta a rinunciare anche ai prestiti del Recovery fund

  • L'Olanda manda i malati di Covid in Germania: "Nelle terapie intensive solo 200 posti ancora liberi"

  • La Corte Ue "salva" il taglio dei vitalizi agli eurodeputati italiani

  • È vero che l'Ue vuole tassare la prima casa? Sì, ma solo se sei ricco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento