Bulgaria e Croazia, viaggio nel voto dei Paesi più poveri dell’Ue (insieme alla Romania)

Il partito al governo a Sofia dovrebbe uscire vincitore ma tallonato dai socialdemocratici. A Zagabria occhi puntati su Zivi Zid, che se entrasse in Parlamento aiuterebbe i 5 Stelle a formare il loro gruppo

Il premier bulgaro Borissov con il candidato Ppe alla presidenza della Commissione Manfred Weber - foto Ansa EPA/VASSIL DONEV

Il 26 maggio si vota anche in Bulgaria e Croazia, che insieme alla Romania, hanno il reddito pro capite più basso dei 28 dell'Unione. Come voteranno i cittadini dei due Paesi più poveri dell'Ue?

Testa a testa in Bulgaria

In Bulgaria si profila un testa a testa tra il partito del primo ministro Boyko Borissov, Gerb (PPE), e i socialdemocratici di SBP (S&D). Gli ultimi dati disponibili davano le due formazioni oltre il 32% dei consensi, con un leggero vantaggio per il partito di governo. Quest’ultimo potrebbe guadagnare 8 dei 17 seggi a disposizione per la Bulgaria, uno in più dei rivali di centro-sinistra. Non ci sono soglie di sbarramento nel Paese, ciò nonostante solo tre partiti potrebbero portare candidati a Bruxelles. Oltre a due già citati dovrebbe spuntarla il Movimento per i diritti e la libertà (Dps, affiliato ai liberali Alde). La Bulgaria è uno dei Paesi dell’Ue dove il voto è obbligatorio. Sono 6.374.924 gli elettori chiamati alle urne. Seggi aperti dalle 6 alle 19 per tutti i cittadini di almeno 18 anni. Primi risultati attesi per le 23.

Croazia

La Croazia eleggerà 11 eurodeputati con un sistema proporzionale su un'unica circoscrizione nazionale, con voti di preferenza e soglia di sbarramento al 5%. Secondo gli ultimi dati disponibili, solo cinque formazioni partitiche dovrebbero farcela a raggiungere la soglia di sbarramento: i cristiano-democratici di HDZ (Ppe), i socialdemocratici di SDP (S&D), Zivi Zid (Efdd), Coalizione di Amsterdam (Alde), l’insieme delle liste indipendenti. Quest’ultimo sarà alla prima apparizione in Parlamento europeo, e non è chiaro dove potrà accasarsi. Si tratta di una formazione non affiliata ad alcun partito europeo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli alleati del M5s

È stato fatto notare che essendoci 11 seggi in palio, ogni partito politico per essere sicuro dovrebbe raggiungere l’8,33% per essere certo di avere almeno un candidato eletto. Grande attenzione per Zivi Zid, alleato del Movimento 5 Stelle pronto a creare un gruppo parlamentare con i pentastellati. Sono 3.831.389 gli elettori chiamati alle urne. Seggi aperti dalle 7 alle 19, per tutti i cittadini con almeno 18 anni di età. Primi risultati attesi per le 23.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Svezia non c'è la seconda ondata, l'epidemiologo di Stato: "La nostra strategia è sostenibile"

  • "Chiamatemi Principessa", la figlia illegittima del re vuole i titoli. Ma la Casa reale dice no

  • “Salvini marionetta di Putin”, l'alleato di Berlusconi attacca la Lega

  • La Germania ha deciso: il vaccino per il coronavirus sarà volontario

  • Ryanar taglia il 40% dei voli a ottobre e accusa i governi Ue: "Cattiva gestione della crisi Covid"

  • I profitti sono cresciuti del 35%, ma Amazon paga solo il 3% di tasse in più

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento