rotate-mobile
Martedì, 27 Settembre 2022
La mossa / Estonia

In Estonia via i monumenti sovietici dalle zone russofone "per garantire l'ordine pubblico"

Una quarto della popolazione della nazione, membro di Ue e Nato, è di origine russa, e si teme che possa simpatizzare per Mosca. La premier: “Monumenti sono diventati fonte di tensioni sociali”

L'Estonia ha deciso ti tagliare i ponti col suo passato sovietico anche dal punto di vista simbolico, eliminando dalle strade del Paese tutti i monumenti di quell'era, partendo dalle zone russofone della nazione. Le autorità hanno rimosso un carro armato di epoca sovietica dal suo piedistallo a Narva, città orientale al confine con la Russia, che sarà ora spostato in un museo. Si tratta del monumento più significativo di circa 200-400 opere di questo tipo che il governo si è impegnato a smantellare entro la fine dell'anno nella zona e nell'intero Paese. Alcuni residenti si erano espressi contro lo smantellamento del monumento con la popolazione della città che è per oltre il 90% di origine russa e l'amministrazione locale ha evitato di prendere una decisione in merito.

Un tempo parte dell'Unione Sovietica, l'Estonia è membro sia della Nato che dell'Unione Europea, ed è stato un convinto sostenitore dell'Ucraina dall'inizio dell'invasione russa ordinata da Vladimir Putin il 24 febbraio. Tuttavia, quasi un quarto della sua popolazione di 1,3 milioni di persone è di etnia russa e il governo teme che una minoranza possa cadere sotto l'influenza del suo ex Paese. La premier Kaja Kallas ha affermato che la decisione è stata presa a causa del rischio di disordini pubblici in seguito all'invasione dell'Ucraina sostenendo che il Paese non deve dare alla Russia l'opportunità di sfruttare il suo passato per dividere ulteriormente la società, ha riferito Bns. "Nessuno vuole vedere il nostro vicino combattente e ostile fomentare tensioni a casa nostra", ha commentato la premier aggiungendo: "Non daremo alla Russia l'opportunità di usare il passato per turbare la pace in Estonia".  "In quanto simboli della repressione e dell'occupazione sovietica, questi monumenti sono diventati una fonte di crescenti tensioni sociali", ha scritto Kallas su Twitter. "In questi momenti, dobbiamo ridurre al minimo il rischio per l'ordine pubblico", ha aggiunto.

La contea nord-orientale dell'Estonia di Ida-Viru, che confina con la Russia e comprende Narva, è di etnia russa per tre quarti, secondo le statistiche ufficiali. Gli estoni sono stati invasi sia dalle forze naziste tedesche che sovietiche durante la Seconda guerra mondiale, e hanno avuto combattenti da entrambe le parti del conflitto. L'era sovietica ha visto poi anche la deportazione di decine di migliaia di estoni nei campi di lavoro siberiani. Nel 2007, a Tallinn sono seguite rivolte di giovani principalmente di lingua russa quando l'Estonia ha rimosso un monumento dell'Armata Rossa della seconda guerra mondiale dal centro della capitale, con uno dei manifestanti che fu anche ucciso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In Estonia via i monumenti sovietici dalle zone russofone "per garantire l'ordine pubblico"

Today è in caricamento