rotate-mobile
Venerdì, 27 Gennaio 2023
L'inchiesta / Svezia

"Il gasdotto è stato fatto esplodere": la Svezia conferma il sabotaggio del Nord Stream

Le esplosioni che hanno colpito i gasdotto Nord Stream 1 e 2 sono state frutto di un sabotaggio. Lo afferma il procuratore distrettuale svedese, Mats Ljungqvist

"Il gasdotto Nord Stream è stato colpito da un grave sabotaggio, sono stati trovate tracce di esplosivi su diversi oggetti estranei rinvenuti": è la conclusione del procuratore svedese Mats Ljungqvist, titolare dell'indagine sulle esplosioni ai gasdotti Nord Stream 1 e 2 del 26 settembre scorso.

"Durante le indagini sulla scena del crimine condotte nel Mar Baltico sono stati raccolti molti reperti e l'area è stata accuratamente analizzata. Le analisi effettuate mostrano residui di esplosivo su diversi oggetti estranei rinvenuti. Il lavoro di analisi avanzata continua per trarre conclusioni più affidabili sull'incidente", ha dichiarato il procuratore Ljungqvist in un comunicato stampa. "La collaborazione tra le autorità svedesi e quelle di altri Paesi è eccellente. Per il proseguimento delle indagini preliminari e delle varie collaborazioni in corso è importante poter lavorare in tranquillità", ha aggiunto. Secondo Ljungqvist, l'indagine preliminare è molto complessa ed estesa e non è ancora chiaro se qualcuno sarà accusato di un reato.

Una immagine tratta da un video, filmato da un drone sottomarino, mostra ingenti danni al gasdotto Nord Stream, 18 ottobre 2022

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Il gasdotto è stato fatto esplodere": la Svezia conferma il sabotaggio del Nord Stream

Today è in caricamento