rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Attualità

Emergenza estrema destra in Germania, mai così tanti crimini di stampo neonazista

Il ministro degli Interni tedesco ha affermato che un drammatico aumento di aggressioni e atti di violenza che dimostra una "brutalizzazione" della società e rappresenta la più grande minaccia per la stabilità del Paese

L'estrema destra sta diventando sempre più violenta in Germania, tanto che nel Paese nell'ultimo anno i crimini collegati a questa ideologia politica hanno raggiunto livelli record. "Questi numeri sono molto allarmanti soprattutto perchè durante la pandemia abbiamo osservato un'ulteriore polarizzazione della discussione politica" ha dichiarato il ministro dell'Interno tedesco Horst Seehofer, affermando che questo drammatico aumento della criminalità estremista di destra dimostra una "brutalizzazione" della società e rappresenta la più grande minaccia per la stabilità della nazione.

Come riporta Reuters la polizia ha registrato quasi 24mila crimini di estrema destra lo scorso anno, un aumento di quasi il 6 per cento rispetto all'anno precedente, rappresentando tra l'altro più della metà di tutti i reati di natura politica. Si tratta del livello più alto da quando la polizia ha iniziato a raccogliere questo tipo di dati nel 2001. I crimini andavano dalla visualizzazione di simboli nazisti a commenti antisemiti fino a vere e proprie aggressioni fisiche e omicidi. Le violenze e le intimidazioni erano rivolte principalmente contro immigrati, rifugiati e tedeschi neri, ma c'è stato anche un aumento della violenza anti-asiatica, legata alla pandemia. Gli attacchi antisemiti, aumentati di quasi il 16 per cento ed avvenuti principalmente online, sono stati, ha detto Seehofer, “non solo allarmanti per il contesto della nostra storia, ma anche profondamente vergognosi”. Moshe Kantor, presidente del Congresso ebraico europeo, ha detto che i numeri tedeschi evidenziano una questione più ampia. "Questo è un campanello d'allarme, non solo per la Germania, ma per il mondo intero", ha spiegato. 

Il ministro dell'Interno ha spiegato che il totale dei crimini violenti classificati come di natura politica sono aumentati di quasi il 20 per cento. In questo senso il ministro dell'Interno ha spiegato che la criminalità collegata all'ideologia politica è "un problema crescente", per questo ha promesso "una maggiore sorveglianza da parte della polizia". Al momento in Germania, la questione della sicurezza è uno dei temi più scottanti, soprattutto in vista delle elezioni nazionali di settembre. Per questo l'intelligence tedesca teme che gli attivisti di estrema destra "stiano cercando di sfruttare la frustrazione pubblica per le restrizioni dovute alla pandemia per incitare alla violenza contro le istituzioni statali". Seehofer ha spiegato che quasi 4mila crimini politicamente motivati, inclusi 500 atti violenti, sono stati collegati direttamente alla pandemia e non sono stati classificati né di estrema destra né di sinistra. Le autorità hanno espresso preoccupazione per il ruolo presumibilmente svolto dal partito Alternative für Deutschland nel alimentare un clima di risentimento nei confronti degli immigrati e del governo. Il partito, terzo alle elezioni tedesche del 2017, si è spostato costantemente a destra negli ultimi anni, attirando un crescente controllo da parte dell'agenzia di intelligence interna del Paese .

Come riporta il Guardian, Seehofer ha affermato che la violenza di destra ha lasciato una "scia di sangue" in tutta la Germania, Tra i recenti omicidi politicamente motivati il ministro dell'Interno ha ricordato la sparatoria avvenuta nella città occidentale di Hanau, quando un uomo armato razzista ha ucciso nove giovani di origine immigrata. Un altro esempio è "l'attacco con coltello da parte di un siriano contro una coppia gay di Dresda" ha detto Seehofer, "una persona è rimasta uccisa".  Inoltre, i pubblici ministeri tedeschi hanno annunciato di aver arrestato un uomo con l'accusa di aver inviato lettere di odio per un periodo di tre anni a politici nazionali e regionali di sinistra, nonchè ad un avvocato turco-tedesco che rappresentava vittime di crimini di estrema destra. Secondo le autorità l'imputato avrebbe firmato i suoi messaggi con l'acronimo "Nsu 2.0", un riferimento al gruppo neonazista Nsu, ritenuto responsabile dell'omicidio di 10 persone, otto turchi, una poliziotta greca e una tedesca, tra il 2000 e il 2007. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza estrema destra in Germania, mai così tanti crimini di stampo neonazista

Today è in caricamento