menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Europee in Regno Unito: Farage verso la vittoria. Laburisti e conservatori bocciati dalle urne

Brexit party oltre il 30%, laburisti terzi a vantaggio dei lib-dem. Crollo dei conservatori: dimezzano i loro seggi all’Eurocamera e arrivano quinti, alle spalle dei verdi

Le elezioni europee offrono un panorama politico profondamente rinnovato in Regno Unito, l’unico Paese con un piede fuori dall’Unione europea. Nonostante la decisione dei cittadini inglesi di lasciare l’Unione espressa nel referendum del 2016, i partiti pro-Ue registrano un successo che li porta, in totale, al 50% dei suffragi. Una festa rovinata dalla neonata formazione di Nigel Farage, il partito della Brexit, che si dovrebbe aggiudicare la maggioranza relativa dei seggi in palio.

D7hptrVXYAEtWN1.jpg-large-2

Primi risultati, vincono Farage e i Lib-dem

Secondo i primi dati diffusi, il partito Brexit dovrebbe chiudere primo con il 30,5%. Seguno i liberal-democratici che, in netto contrasto con gli anti-Ue, si sono presentati agli elettori con il chiaro obiettivo di fermare la Brexit. La loro affermazione come seconda forza politica con oltre il 21% dà ragione a questa scelta. Solo terzi i laburisti di Jeremy Corbin, evidentemente danneggiati dalla strategia del partito troppo timida nel chiedere un secondo referendum sull'uscita dall'Unione europea.

Crollo dei conservatori

I verdi superano il 12%, registrando una vittoria storica sui conservatori in piena crisi di consensi. 

La formazione guidata dalla premier dimissionaria Theresa May si aggiudica un deludente 8,6%, arrivando clamorosamente quinta. Un crollo annunciato, ma comunque doloroso per i Tories. 

Brexit a rischio

Il vicepresidente dei conservatori all’Eurocamera, il tedesco Hans Olaf Henkel, commentando i primi exit poll ha dichiarato l’intenzione di voler fare quanto possibile per mantenere il Regno Unito nell’Unione europea. Una presa di posizione forte per un esponente di spicco della destra euroscettica che ci dimostra, ancora una volta, che la partita sulla possibile uscita del Regno Unito dall’Ue non è ancora finita.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento