Egitto partner Ue, sinistra e M5s a Strasburgo dicono no: “Verità su Regeni e violazioni diritti umani”

Decine di eurodeputati contro il rinnovo dell'accordo con il Cairo: "Continuare a considerarlo solo per bloccare i migranti è un crimine che la storia non ci perdonerà”    

I genitori di Giulio Regeni al Senato / ANSA/MASSIMO PERCOSSI

Il caso Regeni. Le quotidiane violazioni dei diritti fondamentali dei cittadini. E poi gli arresti, le torture e i processi sommari contro la comunità Lgbtq. Per tutte queste ragioni, la sinistra europea e il M5s si schierano contro la decisione dell'Ue di rinnovare la partnership con l'Egitto per il periodo 2017-2020.
Per la Commissione europea, l'Egitto è un “partner fondamentale nella regione”, per il  “supporto alle riforme strutturali ed economiche, contro terrorismo e immigrazione illegale, per i conflitti nel Medio oriente e la difesa dei diritti umani e dello stato di diritto nel paese”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le violazioni dei diritti fondamentali

Proprio sulla questione dei diritti, pero', è arrivato l'altolà di decine di eurodeputati, in gran parte dai gruppi della sinistra del Parlamento europeo, ma anche da alcuni esponenti del Movimento 5 Stelle. “Quale partnership può esserci con un paese che calpesta quotidianamente i diritti fondamentali e senza verità sulle torture e sulla barbara uccisione del giovane ricercatore europeo Giulio Regeni?”, ha chiesto provocatoriamente l’europarlamentare Elly Schlein (Possibile/S&D). “È scandalosa - continua Schlein - la mancanza di solidarietà da parte degli altri paesi europei, che hanno continuato tranquillamente a commerciare anche armi con l’Egitto e ora cercano la sua collaborazione per l’ossessione di bloccare i flussi migratori”.
Fabio Massimo Castaldo (M5s-Efdd) ha ricordato il recente caso dell’arresto del legale egiziano della famiglia Regeni e l’ancora irrisolta morte di Giulio, “morte sulla quale non possiamo chiudere gli occhi e non possiamo esserne complici”.
Dura anche Eleonora Forenza (L’Altra Europa-GUE), che ha avvertito la Commissione che “continuare a considerare l’Egitto solo per bloccare i migranti è un crimine che la storia non perdonerà all’Unione europea”. Forenza e altri deputati di diversi schieramenti hanno denunciato anche il giro di vite contro la comunità Lgbtq: arresti, torture e processi sommari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il film sui migranti di Rocco Siffredi vince l'Oscar del porno di Berlino

  • Svezia sicura della sua strategia, elimina anche le restrizioni per anziani e vulnerabili

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Erdogan in mutande su Charlie Hebdo, la rabbia del presidente turco: "Canaglie immorali"

  • L'Olanda manda i malati di Covid in Germania: "Nelle terapie intensive solo 200 posti ancora liberi"

  • Erdogan su Macron: "Ha problemi mentali". Conte col presidente francese: "Parole inaccettabili"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento