Nuove regole europee sui droni: non servirà l'autorizzazione per i più leggeri

Le norme comunitarie sostituiranno le leggi nazionali. Ogni Paese potrà definire le sue no-fly zone, ma non sarà necessario il permesso preventivo per i velivoli sotto i 25 chili

Le leggi nazionali approvate negli ultimi anni per regolamentare l’attività dei velivoli senza pilota, ormai famosi come droni, verranno presto archiviate per far spazio alle norme unitarie decise a Bruxelles. Annunciate dalla commissaria europea ai Trasporti, Violeta Bulc, le nuove regole introdurranno l’obbligo di registrazione dei mezzi comandati a distanza presso le autorità nazionali entro il 2020. Ma i droni sotto i 25 kg non saranno soggetti a tale autorizzazione, a patto che rispettino una serie di regole.

Una di queste impone a chi guida il drone a distanza di mantenerlo lontano dalle persone, non farlo volare oltre la propria visibilità a occhio nudo e, comunque, mantenere il mezzo entro l’altezza massima di 120 metri. Dovrà rispettare queste regole sia chi usa i droni per motivi professionali che per divertimento. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli Stati membri potranno definire le cosiddette “no-fly zone”, all’interno delle quali, attraverso sistemi di geo-localizzazione satellitare, i droni non saranno autorizzati a volare. Le zone interdette potranno includere, ad esempio, i perimetri degli aeroporti o interi centri città. La commissaria Bulc sottolinea con soddisfazione che “L'Ue disporrà delle regole più avanzate a livello mondiale, aprendo la strada a droni sicuri”, oltre a “fornire la necessaria chiarezza al settore imprenditoriale e dell’innovazione”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Altro che Mes, l'Italia pronta a rinunciare anche ai prestiti del Recovery fund

  • Svezia sicura della sua strategia, elimina anche le restrizioni per anziani e vulnerabili

  • È vero che l'Ue vuole tassare la prima casa? Sì, ma solo se sei ricco

  • La Corte Ue "salva" il taglio dei vitalizi agli eurodeputati italiani

  • Si rifiuta di stringere la mano alle donne. Negata cittadinanza a medico libanese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento