rotate-mobile
Giovedì, 18 Agosto 2022
La sentenza / Polonia

Assolta drag queen che "uccise" vescovo anti-Lgbt in uno show. Ma il ministro sconfessa i giudici

Il caso in Polonia. L'artista era stata denunciata per il suo show di protesta contro un ecclesiastico che aveva rilasciato dichiarazioni omofobe

Era stata denunciata per incitamento all’omicidio per aver messo in scena uno spettacolo nel quale con forbici, sangue finto e una bambola gonfiabile fingeva di uccidere il vescovo di Cracovia, Marek Jedraszewski, figura di spicco della Chiesa polacca che in più di un'occasione ha rilasciato dichiarazioni considerate omofobe e anti-Lgbt. Ma Mariolkaa Rebell, così il nome d’arte della drag queen che aveva presentato in discoteca la performance, è stata assolta dal tribunale distrettuale di Poznan, in Polonia.

Durante il processo i giudici avevano ritenuto che i pubblici ministeri non avessero prove: nessuna registrazione o testimoni diretti, ma solamente resoconti dei media. Tuttavia, questa decisione non è piaciuta ai pubblici ministeri di Varsavia, che hanno deciso di appellarsi alla decisione del tribunale distrettuale chiedendo l’annullamento del verdetto e la ripetizione del processo.

Durante il processo l’imputata aveva affermato di non aver simulato un omicidio, ma di aver semplicemente ballato con una bambola con la faccia del vescovo di Cracovia e di aver in seguito perforato una sacca di sangue finto con le forbici per simboleggiare il fatto che l'ecclesiastico aveva ferito il suo cuore con delle osservazioni omofobe. Oltre alla mancanza di prove, il tribunale distrettuale ha ritenuto che lo spettacolo non incitasse all’odio e che rientrasse nei limiti della libertà artistica e della libertà di espressione.

Ma secondo i pm di Varsavia questo sarebbe un errore giudiziario. Per Aleksandra Skrzyniarz, portavoce della procura di Varsavia, la corte avrebbe “fatto conclusioni fattuali errate" che sono "prive di obiettività e contrarie ai principi della logica”. Inotre, secondo Skrzyniarz l'analisi delle foto, comprese "le espressioni facciali dell'imputato", mostrano che "emanava emozioni negative, come rabbia o odio" e che questo "non era un atto pacifico e non aggressivo di performance artistica, ma una simulazione di omicidio di uno specifico rappresentante della Chiesa cattolica romana”.

Secondo Zbigniew Ziobro, ministro della Giustizia, questa assoluzione "va oltre tutti gli standard [accettabili] e danneggia l'immagine della magistratura polacca". Riferendosi a Agata Trzcinska, giudice che si è occupata del caso Ziobro, ha affermato che "è imbarazzante che abbiamo giudici del genere in Polonia” e ha descritto Marek M., nome anagrafico della drag queen, come un "tipo depravato che ha commesso un comportamento disgustoso" e ha avvertito che lasciare tali azioni impunite potrebbe in futuro "portare a un vero omicidio".

In passato più di 20 persone avevano denunciato il vescovo anti-Lgbt per incitamento all'odio. Tuttavia, sia i pubblici ministeri che i tribunali si sono rifiutati finora di aprire un procedimento, ritenendo che le sue parole non intendessero riferirsi a individui specifici. Le leggi polacche sui crimini ispirati dall'odio non coprono l'orientamento sessuale o l'identità di genere, il che significa che le persone Lgbt non sono protette da tali discorsi come gruppo allo stesso modo delle minoranze razziali, etniche o religiose. Negli ultimi tre anni, la Polonia è stata classificata come il peggior Paese d'Europa per le persone Lgbt, in particolare a causa delle posizioni del Pis, il partito di destra che governa a Varsavia e che in Ue è alleato di Fratelli d'Italia. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assolta drag queen che "uccise" vescovo anti-Lgbt in uno show. Ma il ministro sconfessa i giudici

Today è in caricamento