Divieto di ballare, omelette giganti, donne prese a secchiate: i 9 modi più strani di festeggiare la Pasqua in Europa

Si va dalla calma tradizione finlandese di guardare l'erba crescere alla danza della morte a Vergers. Passando per lanci di piatti e pentole, racconti thriller da leggere in famiglia e carri che scoppiano

PERE DURAN/ANSA/TO

La Pasqua attraversa tutta l'Europa, portando con sé tradizioni e riti dove sacro e profano, religione e pagani omaggi alla primavera si fondono. A volte in modo più che bizarro. Ecco i 9 festeggiamenti più strani 

Grecia

Nell'isola greca, la vigilia di Pasqua potrebbe essere pericolosa, soprattutto per i turisti meno informati: tradizione vuole, infatti, che dalle 11 del sabato prepasquale i residenti lancino piatti e pentole vecchi dalla finestra. Un'usanza che secondo alcuni deriverebbe dalla tradizione di alcune zone dell'Italia di liberarsi dei vecchi oggetti di casa in occasione del Capodanno. 

Norvegia

La Scandinavia, si sa, è terra di scrittori di gialli. E in Norvegia, la passione è tale che la domenica di Pasqua si usa leggere o regalare un libro poliziesco o thriller. Si chiama Påskekrim e la tradizione risale al 1923, quando due norvegesi chiamati Nordahl Grieg e Nils Lie volevano ottenere più pubblicità possibile per il loro romanzo poliziesco intitolato "Il treno di Bergen fu derubato di notte". Hanno pagato il giornale nazionale Aftenposten per stampare il titolo in prima pagina la domenica di Pasqua come se fosse una vera e propria notizia, ottenendo grande successo. Da quel momento in poi, molte case editrici usano questo periodo per lanciare i gialli sul mercato. E nelle famiglie è tradizione leggere e raccontarli in occasione della domenica pasquale.

Germania

Guai a ballare nel giorno del Venerdi' Santo in Germania. In tutti i Länder tedeschi, infatti, vige il “tanzverbot”: nel giorno della morte di Gesù, i cristiani si fermano per rivivere quel dolore con digiuno, astinenza e la sospensione di ogni attività ludica e sportiva. Il divieto risale ai luterani puritani ed è rimasto in voga fino ai giorni nostri, anche se anno dopo anno vengono concesse sempre più deroghe. 

Repubblica Ceca

Colpire una donna con un ramo di salice per garantirne la fertilità. E' la tradizione pasquale un po' machista della Repubblica Ceca. Più che di religione, si tratta di una usanza pagana nata per salutare l'arrivo della Primavera: il salice, infatti, è il primo albero a svegliarsi con la fine dell'inverno. 

Finlandia

Anche qui il rituale pasquale ha poco a che vedere con la Passione di Cristo e più con il risveglio della natura: i bambini piantano l'erba in piccoli vasi all'interno della casa e li osservano mentre crescono. Quando i germogli si rompono, vengono deposte delle uova tra i gambi.

Ungheria

Come in Repubblica Ceca, anche in questo paese le donne sono “vittime” della tradizione: il lunedi' di Pasquetta i giovani maschi ungheresi gettano secchi a fredda sulle donne per assicurarsi che non “appassiscano” come i fiori. 

Francia

Il lunedì di Pasqua, i residenti di Haux in Francia rompono più di 4.500 uova in una gigantesca padella per fare un'enorme omelette pasquale, che verrà poi servita a più di 1.000 persone. Ogni famiglia rompe le uova a casa propria al mattino e si riuniscono nella piazza principale per cucinare la gigantesca frittata.

Spagna

Nella città medievale di Verges, in Spagna, la gente del posto balla la tradizionale “dansa de la mort”. A mezzanotte, tutti, vestiti con costumi scheletrici e scatole di cenere, sfilano per le strade fino alle prime ore del mattino. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Italia

Nella classifica delle 10 tradizioni pasquali più strane non poteva mancare lo scoppio del carro di Firenze. Che a noi italiani sembrerà ormai familiare, ma non per gli stranieri. Il brindellone, una torre pirotecnica posizionata su un carro, viene trainato da una coppia di buoi per le strade del centro storico di Firenze e posizionato tra il battistero e la cattedrale. Al culmine della cerimonia, l'arcivescovo accende dall'altare del duomo un razzo a forma di colomba che, tramite un meccanismo a fune, percorre tutta la navata centrale della chiesa e raggiunge all'esterno il carro, facendolo scoppiare. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Ue "promuove" la Calabria sul Covid: unica regione verde in Italia e tra le poche in Europa

  • Il décolleté della premier divide la Finlandia: "Fa la modella invece di pensare al Covid"

  • Altro che Mes, l'Italia pronta a rinunciare anche ai prestiti del Recovery fund

  • Conte va via e lascia Merkel a rappresentare l'Italia al vertice Ue. La Lega attacca (ma è la prassi)

  • È vero che l'Ue vuole tassare la prima casa? Sì, ma solo se sei ricco

  • Il villaggio di Babbo Natale è in crisi per colpa del Covid

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento