Vaccini, i neo-genitori presi di mira dai no-vax: “Uno su due esposto a disinformazione”

Lo ha rivelato uno studio nel Regno Unito: “Anche quando le persone sanno che un messaggio non è vero, se questo viene ripetuto abbastanza volte, iniziano a crederci"

"Genitori, i vaccini uccidono tuo figlio, a qualsiasi età li somministrate. Ma non solo: se si verifica questa immane tragedia, i medici la considerano sindrome da morte improvvisa infantile”. Il messaggio, lanciato da un gruppo Facebook creato negli Stati Uniti, ha invaso negli scorsi mesi le bacheche social di neo-mamme e neo-papà di tutta Europa, in particolare del Regno Unito. Peccato che tanto il contenuto, quanto le immagini postate a corredo del testo, fossero palesemente false. 

E' questo uno dei tantissimi casi di disinformazione che circolano da tempo sul web, in particolare su Facebook, grazie anche a campagne di raccolta fondi sempre più capillari e di successo. Secondo uno studio della Royal Society for Public Health, la metà di tutti i genitori britannici con bambini piccoli sono stati esposti a messaggi come questo, accusati di disinformare sui vaccini aumentando i timori sugli effetti collaterali.

Va detto subito che a finanziare lo studio è stata un'azienda di vaccini. Ma è anche vero che le prove raccolte, stando a quanto verificato dall'autorevole quotidiano The Guardian, dimostrano come le campagne no-vax si basino su dati fuorvianti, se non su proprie e vere bufale. 

"Dobbiamo contrastare la disinformazione sanitaria online e tramite i social media", ha affermato Shirley Cramer, amministratore delegato della Royal Society for Public Health (RSPH), che ha pubblicato la relazione. Cosi' come è assodato che malattie come il morbillo hanno raggiunto livelli di diffusione in Europa che non si vedevano da 20 anni. 

Per l'Unione europea, la colpa è proprio di queste campagne social di disinformazione. Che riescono ad avere successo grazie ad annunci a pagamento difficili da far rimuovere, nonostante le conseguenze sociali che possono provocare. 

Secondo lo studio, solo un genitore su 10 ha dichiarato di credere a ciò che legge sui social media. Ma i ricercatori hanno “scoperto che anche quando le persone sanno che un messaggio non è vero, se questo viene ripetuto abbastanza volte, iniziano a crederci".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La ricerca, che includeva un'indagine su oltre 2.600 genitori e altri 2.000 adulti, ha rilevato una scarsa conoscenza dei vaccini. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Svezia non c'è la seconda ondata, l'epidemiologo di Stato: "La nostra strategia è sostenibile"

  • “Maxi-riciclaggio da 2mila miliardi”. Trema il settore bancario: coinvolti tre istituti europei

  • “Salvini marionetta di Putin”, l'alleato di Berlusconi attacca la Lega

  • L'Irlanda mette in quarantena chi arriva dall'Italia

  • Ryanar taglia il 40% dei voli a ottobre e accusa i governi Ue: "Cattiva gestione della crisi Covid"

  • Nuovi lockdown a Madrid, a Marsiglia terapie intensive piene. In Ue avanza la seconda ondata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento