Il Consiglio d’Europa contro Di Maio: “Pressioni finanziarie sui media”

L’organismo internazionale rimprovera i tentativi di taglio della pubblicità ai quotidiani e la riduzione dei contributi pubblici. “Libertà di espressione presupposto essenziale per la democrazia”

Attacchi frontali verbali e minacce economico-finanziari: in Italia la politica fa pressioni sulla stampa, limitandone la libertà. Con il leader del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio, capofila di questa politica del ‘bavaglio’. E’ la denuncia contenuta nel rapporto sulla libertà d’espressione 2018 del Consiglio d’Europa, l’organizzazione internazionale di cui l’Italia fa parte, e da non confondere con il Consiglio dell'Unione europea (e dunque con l'Ue).

Il Consiglio d’Europa ha il compito di promuovere democrazia e diritti fondamentali. L’Italia appare violare l’una e gli altri, quando si parla di giornali e mezzi di informazione. Il Paese viene citato tra gli esempi di casi dove si registrano “pressioni finanziarie, favoritismi e altre forme di manipolazione indiretta dei media”. In questo contesto viene fatto il nome di Luigi di Maio, nel rapporto prodotto a Strasburgo.

“In Italia – si legge nel rapporto – il vice primo ministro e leader del Movimento cinque stelle ha chiesto alle compagnie statali di interrompere la pubblicità sui giornali e ha annunciato piani per una riduzione dei contributi pubblici indiretti ai media nel bilancio del 2019”.

Il riferimento è all’atteggiamento tenuto dal pentastellato in occasione dell’assoluzione della sindaca di Roma, Virigina Raggi, dalle accuse di falso in atto pubblico. Non è passato inosservato il post di Facebook del 10 novembre scorso in cui si definiscono giornalisti “sciacalli”, “corrotti”, e il sistema di informazione “una piaga”. Nello stesso post si annuncia una legge per cambiare tutto questo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Consiglio d’Europa è dunque preoccupato per gli ultimi sviluppi in Italia. “La libertà di espressione è un presupposto essenziale per la sicurezza democratica e merita la massima attenzione degli Stati membri”, ricorda l’organizzazione internazionale, che vede nella Penisola peggioramenti e un clima non dei migliori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Altro che Mes, l'Italia pronta a rinunciare anche ai prestiti del Recovery fund

  • Conte va via e lascia Merkel a rappresentare l'Italia al vertice Ue. La Lega attacca (ma è la prassi)

  • È vero che l'Ue vuole tassare la prima casa? Sì, ma solo se sei ricco

  • La Corte Ue "salva" il taglio dei vitalizi agli eurodeputati italiani

  • Il villaggio di Babbo Natale è in crisi per colpa del Covid

  • Si rifiuta di stringere la mano alle donne. Negata cittadinanza a medico libanese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento