Di Maio "assenteista" in Europa: presente in Consiglio solo 3 volte

Il vicepremier del M5s ha partecipato finora solo a 3 riunioni dei ministri Ue sulle 14 che riguardano le materie di sua commpetenza. Poco meglio di Salvini, fermo a 1 su 7

Non è solo Matteo Salvini a disertare le riunioni europee cui dovrebbe partecipare in qualità di ministro degli Interni. Anche l'altro 'uomo forte' del governo gialloverde, Luigi Di Maio, si è fatto notare in questo primo anno da vicepremier con portafogli al Lavoro e allo Sviluppo economico per le sue assenze ai meeting dei Consigli Ue in cui si sono affrontate le materie di sua competenza: solo 3 presenze a fronte di 14 riunioni.

L'ultima assenza l'ha fatta registrare in queste ore al Consiglio Occupazione e politiche sociali in corso a Bruxelles. Al suo posto, come già capitato in passato, non ci sarà nessun esponente politico del governo (viceministri o sottosegretari), ma il rappresentante permanente aggiunto Michele Quaroni. In agenda in questa riunione, la prima del settore sotto la nuova presidenza finlandese dell'Unione, ci sono le ormai note e temute raccomandazioni specifiche per Paese della Commissione, le politiche a favore dell'occupazione e i modi per conciliare tali politiche con la strategia europea sul clima. 

Dopo poco più di un anno da ministro, Di Maio ha incontrato i colleghi che si occupano di Lavoro solo 2 volte su 7. Ma essendo anche responsabile per lo sviluppo economico, il leader del M5s è membro anche del Consiglio Competitività dell'Ue, dove finora si è visto 1 sola volta su 7 meeting. Eppure Di Maio aveva cominciato bene la sua avventura da rappresentante del governo in Europa, partecipando ai primi due Consigli Occupazione della sua agenda (giugno e luglio 2018) e al meeting sulla competitività dello scorso novembre. Da allora, pero', il vicepremier pentastellato è uscito dai radar europei.

A sostituirlo sono stati i sottosegretari Cominardi (M5s) e Durigon (Lega) in 4 meeting sull'Occupazione, mentre in generale il più presente al posto del ministro è stato il già citato rappresentante permanente aggiunto Quaroni, ossia l'ambasciatore italiano presso l'Ue.  E' tocato a loro far valere le posizioni del governo gialloverde e dell'Italia su temi come la lotta alla disoccupazione di lunga durata, le nuove norme europee per proteggere i diritti di precari e partite Iva, le politiche per migliorare l'accesso alle prestazioni sociali, il contrasto alle sostanze cancerogene nei luoghi di lavoro. O ancora l'impatto della digitalizzazione e della robotica su occupazione e sviluppo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per chi volesse approfondire i temi trattati durante queste riunioni puo' consultare il sito del Consiglio dell'Ue.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rissa tra turisti e polizia, in Belgio accesso alle spiagge limitato ai residenti

  • Scrive "vuoi sposarmi?" con 100 candeline, e la casa prende fuoco

  • Dal punto di vista economico la strategia dell'immunità di gregge in Svezia ha pagato

  • Omicidi e guerre tra narcotrafficanti: in Svezia e Olanda è emergenza criminalità

  • "Le mascherine riducono anche la gravità del coronavirus per chi le indossa"

  • Oltre mille nuovi casi al giorno in Germania, mai così tanti da maggio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento