Venerdì, 24 Settembre 2021
Attualità

Deputati estratti a sorte tra i cittadini: la proposta conquista Bruxelles  

Fa proseliti l'idea di creare una seconda assemblea composta da rappresentanti scelti con un sorteggio. A favore, un elettore su due. E anche i partiti del centrosinistra aprono alla sperimentazione

Una seconda assemblea parlamentare con lo stesso numero di deputati di quella già esistente. Con la differenza che i suoi componenti vengono estratti a sorte tra i cittadini. E' la proposta avanzata dal movimento civico Agora in vista delle elezioni regionali di maggio in Belgio. Un'idea che sta facendo sempre più proseliti: a Bruxelles, un cittadino su due è favorevole. E anche partiti come quello socialista e i verdi si sono espressi a favore.

Ed è proprio nella Regione di Bruxelles, l'area metropolitana che compone la capitale belga ed europea, che Agora mira a creare il primo parlamento con estrazione. L'idea è di una seconda assemblea di 89 cittadini, estratta seguendo uno schema che rispetti le proporzioni rappresentative della popolazione in termini di genere, età e livello di studi.

“Questa assemblea – si legge sul sito di Agora - si riunirà un giorno al mese. Ogni sei mesi, metà dell'assemblea sarà rinnovata per consentire a più cittadini di partecipare e garantire un trasferimento di conoscenze. Dopo 5 anni di legislatura, 401 cittadini di Bruxelles avranno avuto l'opportunità di partecipare a questo esperimento democratico”

Al fine di garantire la trasparenza del processo di sorteggio, che sarà basato sulla selezione casuale tra i residenti di Bruxelles, Agora propone di organizzare un evento pubblico trasmesso anche in streaming in modo che tutti possano seguire l'estrazione in diretta. Per il movimento, questa assemblea servirebbe ad aumentare la partecipazione dei cittadini alla politica e alle scelte amministrative. E il loro controllo democratico su leggi e provvedimenti.

L'idea sembra piacere ai cittadini. Stando a un sondaggio, il 47% degli intervistati dichiara di essere favorevole al sorteggio (il 25% si oppone e il 27% dichiara di essere "neutrale"). Ma i politici non ci stanno: solo il 29% dei politici belgi sono favorevoli e ben il 67% è contrario. 

Eppure, anche nel mondo partitico qualcosa si muove: il Partito socialista e Ecolo (i verdi belgi) si sono dichiarati a favore di un'assemblea legislativa sorteggiata, anche se il Ps ha specificato che “questa assemblea dovrebbe essere solo consultiva”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Deputati estratti a sorte tra i cittadini: la proposta conquista Bruxelles  

Today è in caricamento