rotate-mobile
Martedì, 7 Febbraio 2023
La sentenza / Lituania

"I libri che parlano di coppie gay non sono dannosi per i bambini"

Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti dell'uomo in una sentenza che ha dato ragione all'autrice di una raccolta di favole in Lituania

Scrivere storie per bambini con personaggi Lgbt+ contribuisce a promuovere "l'uguaglianza e il rispetto reciproco per le persone di diverso orientamento sessuale". Etichettare libri di questo tipo come dannosi viola la libertà di espressione.  Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti dell'uomo (Cedu) in una sentenza che ha visto contrapporsi il governo lituano e l'autrice di una raccolta di favole.

ll libro incriminato, intitolato "Cuore d'ambra", è stato sospeso poco dopo la sua pubblicazione nel marzo 2014 e poi ripreso un anno dopo con un'etichetta che avvertiva che il suo contenuto poteva essere dannoso per i minori di 14 anni. L'autrice del libro, Neringa Macat?, venuta a mancare nel 2020, ha intentato una causa civile contro l'editore del libro, sostenendo che i riferimenti alle relazioni omosessuali non possono essere considerati dannosi per i bambini. Dopo che la sua richiesta è stata respinta dai tribunali lituani a tutti i livelli, nel novembre 2019 ha presentato una richiesta alla Cedu.

Nella sua sentenza, il tribunale ha rilevato che "le misure contro il libro della ricorrente avevano lo scopo di limitare l'accesso dei bambini alle informazioni che ritraggono le relazioni tra persone dello stesso sesso come relazioni essenzialmente equivalenti tra persone di sesso diverso". La Corte di Strasburgo ha stabilito che il modus operandi del governo lituano viola l'articolo 10 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo, quello sulla la libertà di espressione.

I giudici non sono stati convinti dall'argomentazione di Vilnius secondo cui il libro avrebbe "promosso le famiglie dello stesso sesso rispetto ad altre". Al contrario, ha sottolineato che le favole avevano sostenuto il rispetto e l'accettazione di tutti i membri della società in un aspetto fondamentale della loro vita, ovvero una relazione impegnata.

È la prima volta che la Corte è stata chiamata a pronunciarsi sulla restrizione dell'accesso alla letteratura per bambini che contiene riferimenti a relazioni omosessuali. La sentenza è stata celebrata dalle organizzazioni per i diritti Lgbt+. "La protezione dei bambini o della morale pubblica è troppo spesso usata come comodo pretesto per limitare la libertà di espressione e per demonizzare e discriminare i membri della comunità", ha dichiarato a Politico Barbora Bukovská, direttrice senior per la legge e le politiche dell'International Commission of Jurists. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"I libri che parlano di coppie gay non sono dannosi per i bambini"

Today è in caricamento