Sabato, 24 Luglio 2021
Attualità

La Danimarca vieta il vaccino J&J, Polonia e Olanda chiedono le dosi non utilizzate dal Paese

Copenaghen ha sospeso anche l'utilizzo di AstraZeneca, ma ci sono altre nazioni che sarebbero ben disposte a pagare per avere le iniezioni che rischiano di essere sprecate

Foto Ansa EPA/JERRY LAMPEN

La decisione della Danimarca di eliminare lo Jansen di Johnson & Johnson dal suo piano vaccinale ha aperto una corsa ad accaparrarsi le dosi acquistate dal Paese ma che non saranno utilizzate. Al momento sono state Polonia e Olanda a offrirsi di acquistare le iniezioni, ma altri Paesi potrebbero farsi avanti. La Danimarca, che ha solo poco meno di sei milioni di abitanti, nonostante le autorizzazioni dell'Ema e dell'Oms ha sospeso entrambi i vaccini a vettore virale, J&J e AstraZeneca, che sono stati legati ad alcuni casi, seppur rarissimi, di trombosi. Ma queste dosi sono ritenute sicure in tutto il resto d'Europa, anche se alcune nazioni hanno imposto dei limiti d'età.

"Negli ultimi giorni ho appreso che la Danimarca ha deciso di rinunciare ai vaccini di Johnson & Johnson. Qualora la decideste di vendere una parte delle vostre riserve, la Polonia è pronta ad acquistarle", ha scritto il primo ministro di Varsavia, Mateusz Morawiecki, all'omologa danese Mette Frederiksen, secondo quanto riferisce l'emittente televisiva "Polsat News". Il premier polacco ricorda che ci troviamo "in un momento cruciale nella lotta alla pandemia" e che Varsavia e Copenaghen "da anni cooperano a livello politico, economico, scientifico e culturale". "Anche durante una difficile pandemia il nostro legame si è rafforzato", ha scritto Morawiecki. Secondo quanto riferisce l'emittente olandese "Nos" una richiesta simile è arrivata anche dai Paesi Bassi, che pure hanno espresso interesse ad acquisire tutte le dosi del vaccino anti Covid sviluppato da Johnson & Johnson che la Copenaghen non intende utilizzare.

Dopo la decisione di non utilizzare i due vaccini a vettore virale le autorità della Danimarca si sono viste costrette ad allungare i tempi per completare la campagna di immunizzazione in corso nel Paese, che potrebbe concludersi ad agosto. Ma non è detto che vogliano vendere le dosi acquistate in quanto potrebbe tuttavia essere possibile continuare a impiegare sia il vaccino Johnson & Johnson che quello di AstraZeneca, ma solo in via volontaria qualora un cittadino ne faccia richiesta. In Polonia la richiesta delle dosi J&J è molto elevata, perché basta una sola iniezione. Durante il lungo weekend (che includeva il lunedì come giorno festivo), un totale di 56mila persone sono state vaccinate in un evento speciale di vaccinazioni di massa, dove si sono formate code per ore nelle principali città della nazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Danimarca vieta il vaccino J&J, Polonia e Olanda chiedono le dosi non utilizzate dal Paese

Today è in caricamento