Da Ue ok al progetto eID: “Italia all'avanguardia nell'identificazione elettronica”

La Commissione europea ha annunciato il via al progetto “eID” nel nostro Paese. E' il primo Stato membro, insieme alla Germania, ad avviare un sistema del genere

L'Italia ha compiuto il primo passo per iniziare il processo di notificazione per l'identificazione elettronica: è il primo paese con un sistema del genere guidato dal settore privato per avviare il processo. Il sistema “eID” (electronic identification) permetterà ai cittadini e alle imprese di usare l'identità elettronica per accedere online ai servizi pubblici e privati nell'Ue. Tutti gli Stati membri si sono impegnati a usare l'eID. L'Italia ha inviato una pre-notifica insieme con la Germania all'inizio dell'anno. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il processo di identificazione elettronica è parte dell'agenda digitale europea. Si tratta del processo per cui si fa uso di dati di identificazione personale in forma elettronica che rappresentano un'unica persona fisica o giuridica. L'identificazione elettronica è accompagnata dal concetto di "mezzo di identificazione elettronica" con i dati di identificazione personale utilizzata per l'autenticazione per un servizio online. Ogni paese ha la libertà di sviluppare il proprio sistema e può notificare all'Unione europea il proprio sistema, purchè rispondente ai requisiti minimi definiti dal regolamento e conforme agli standard definiti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Svezia sicura della sua strategia, elimina anche le restrizioni per anziani e vulnerabili

  • L'Olanda manda i malati di Covid in Germania: "Nelle terapie intensive solo 200 posti ancora liberi"

  • Dopo la Brexit il Regno Unito pensa di espellere i senzatetto stranieri

  • La Corte Ue "salva" il taglio dei vitalizi agli eurodeputati italiani

  • Si rifiuta di stringere la mano alle donne. Negata cittadinanza a medico libanese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento