menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Il cuore è di tutti", il Tribunale Ue boccia il logo del colosso tedesco Bayer

La casa faramaceutica aveva chiesto la registrazione di un marchio usato per prodotti per servizi medici nel settore delle malattie cardiovascolari

Il cuore è di tutti. E non puo' essere registrato come marchio da nessuno. Neppure da un colosso mondiale della farmaceutica e della chimica come la tedesca Bayer. E' questa, in estrema sintesi, la motivazione per cui il Tribunale Ue ha confermato la decisione dell'Euipo, l'ufficio europeo per la proprietà intellettuale, di non registrare il cuore stilizzato proposto dalla Bayer Intellectual Property GmbH come marchio per studi scientifici nel settore delle malattie cardiovascolari e per servizi medici nel settore delle malattie cardiovascolari.

Il marchio proposto dalla Bayer rappresenta una "V" stilizzata a forma di cuore. La sentenza è arrivata, per un gioco del caso, nel giorno di San Valentino. Non è la prima volta che un'azienda prova a registrare un cuore come marchio dell'Ue. Ma finora, almeno il cuore è rimasto un simbolo pubblico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento