rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Attualità

La nuova crociata della Polonia: "Basta Halloween, festa pagana che offende i sentimenti religiosi"

A Cracovia le scuole sono state invitate a non celebrarla, e un istituto ha vietato ai suoi alunni ogni festeggiamento. Ma molte famiglie si lamentano: "Ai nostri figli piace"

Niente festa di Halloween a scuola, perché è un avento pagano che offende i sentimenti religiosi. Sta facendo discutere la decisione di un istituto di Cracovia, in Polonia, che è stata presa dopo che un genitore si è lamentato presso la direzione provinciale, che è intervenuta per sospendere l’evento. Nel Paese il fronte religioso e conservatore sta portando avanti una crociata contro questa ricorrenza che, sostiene, minaccerebbe i bambini e i valori cristiani su cui si basa l’identità polacca.

Il divieto

Così, secondo quanto riportato da Notes from Poland, i ragazzini di una scuola elementare nel centro della città non hanno potuto partecipare al “party” che era stato organizzato, dove avrebbero dovuto indossare dei costumi e raccogliere dolcetti. Altri genitori hanno reagito duramente, secondo quanto riportato da varie piattaforme e giornali: “Nostra figlia era molto felice di questa festa, aveva già preparato un costume”, ha dichiarato Natalia Nazim. “È triste che l’evento sia stato annullato, così come lo sono i suoi amici”, ha aggiunto. Un altro genitore si è lamentato del fatto che “ci sono troppe celebrazioni religiose a scuola e tutti devono conviverci, anche se non a tutti piacciono, ma una sola voce in disaccordo è sufficiente perché venga annullato Halloween”.

L’opposizione politica

Non è raro che in Polonia, Paese fortemente cattolico, la festività di Halloween diventi un tema controverso: sono in molti a ritenerla un’importazione pagana, pericolosa ed estranea alle tradizioni nazionali, nonostante abbia preso sempre più piede negli ultimi anni. La direzione scolastica della provincia di Malopolska, che comprende anche Cracovia, aveva già scoraggiato gli istituti dal festeggiare questa ricorrenza. Nel 2018 Barbara Nowak, che presiede la direzione ed è stata nominata dal governo conservatore, aveva sollecitato i presidi a “prestare molta attenzione nell’organizzare eventi nelle scuole che suscitano controversie ideologiche”. “L’educazione serve a sviluppare nei giovani un senso d’amore per la loro patria e di rispetto per l’eredità culturale polacca, basata sul sistema di valori cristiano”, aveva sostenuto, sottolineando che le scuole dovrebbero evitare di “offendere i sentimenti religiosi”. Lo stesso anno, un parlamentare del partito di governo (PiS, alleato con FdI al Parlamento Ue) aveva suggerito al Ministro dell’istruzione di bandire qualsiasi evento relativo ad Halloween nelle scuole.

L’opposizione religiosa

Il vescovo Artur Mizinski, segretario del vescovado cattolico polacco, ha definito nel 2018 Halloween come “anti-cristiano e pericoloso”, sostenendo che “promuove la cultura della morte, spinge i bambini verso una mentalità esoterica e magica, e attacca i valori sacri e spirituali attraverso iniziazioni sataniche e immagini occulte”. La Chiesa polacca incoraggia le famiglie a partecipare ad eventi alternativi, dove i giovani si travestono da santi anziché da scheletri o fantasmi. Ma chi difende la festività sostiene che abbia radici cristiane, anche se le origini restano incerte. Viene fatto notare che un certo numero di ricorrenze pagane, altrettanto connesse ai rituali magici incentrati sulla morte, è tradizionalmente celebrato nel Paese senza che questo faccia infuriare i conservatori. Per aggirare l’opposizione di questi ultimi, diverse scuole hanno iniziato a organizzare eventi per festeggiare la “giornata della zucca”: a detta di un genitore, “è un modo per festeggiare senza disturbare i catechisti della scuola”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La nuova crociata della Polonia: "Basta Halloween, festa pagana che offende i sentimenti religiosi"

Today è in caricamento