Covid, party fuorilegge al golf club: si dimette ministro, bufera su commissario Ue

Il caso in Irlanda: il responsabile europeo per il Commercio, Phil Hogan, sotto accusa per aver partecipato a un evento con 82 persone e per essere stato fermato dalla polizia mentre guidava parlando al cellulare (in mano). Ma lui ha respinto l'ipotesi di dimissioni

Il commissario Ue Phil Hogan

Che la serata stava andando storta, Phil Hogan, commissario Ue al Commercio, lo avrebbe dovuto capire già dal principio, quando lo polizia lo ha fermato perché guidava la sua auto vicino Kildare, nella sua Irlanda, parlando al telefono cellulare (in mano). Ma il peggio (politicamente parlando) è arrivato dopo: chiaritosi con gli agenti, Hogan ha proseguito il suo tragitto e ha partecipato a una cena esclusiva in un golf club con altre 81 persone e, a quanto ricostruito dai media, senza alcun rispetto delle regole anti-Covid. Il caso ha provocato una vera e propria bufera politica, visto che tra gli invitati c'erano diversi esponenti di spicco, tra cui anche la ministra dell'Agricoltura Dara Calleary. La quale, sotto le pressioni di stampa e governo, si è dimessa dall'incarico. La stessa richiesta è stata recapitata a Hogan, dato che la sua nomina a commissario europeo era stata presentata dall'esecutivo di Bruxelles. Ma a differenza della ministra, il politico irlandese ha fatto sapere di non avere nessuna intenzione di dimettersi.

Per quanto l'incarico europeo sia suggerito dal governo nazionale, infatti, a chiedere le dimmissioni di Hogan dovrebbe essere la presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, la quale per il momento si è limitata a domandare al commissario "un rapporto completo con i dettagli dell'evento. È importante che i fatti siano stabiliti in dettaglio per valutare attentamente la situazione", ha fatto sapere un portavoce di Bruxelles a Politico. A quanto pare, von der Leyen vorrebbe evitare di perdere il membro della sua squadra che sta seguendo da vicino i delicati negoziati commerciali dell'Ue, in particolare quelli con gli Usa e il Regno Unito. 

Di contro, il premier irlandese Micheal Martin ha ufficialmente chiesto un passo indietro. Il caso ha avuto infatti una forte eco nel Paese, dove si sta cercando di rafforzare gli sforzi per evitare una seconda ondata di coronavirus. "Le persone in tutto il Paese hanno fatto sacrifici molto difficili, personali e per le loro famiglie, oltre che nelle attività imprenditoriali, per rispettare le normative sul Covid-19", ha dichiarato Martin, il quale ha a sua volta chiesto a Hogan "un resoconto completo" sulla sua partecipazione al party al golf club, avvenuto la scorsa settimana.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Hogan si è detto "profondamente dispiaciuto" per le sue azioni e si è scusato "con i meravigliosi operatori sanitari, che continuano a mettere le loro vite in gioco per combattere il Covid 19, e con tutte le persone che hanno perso i propri cari durante questa pandemia ". Ma in riferimento alle richieste di Martin, si è limitato a dire di aver "ascoltato attentamente" le sue opinioni, "che rispetto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Ue "promuove" la Calabria sul Covid: unica regione verde in Italia e tra le poche in Europa

  • Il décolleté della premier divide la Finlandia: "Fa la modella invece di pensare al Covid"

  • Altro che Mes, l'Italia pronta a rinunciare anche ai prestiti del Recovery fund

  • Conte va via e lascia Merkel a rappresentare l'Italia al vertice Ue. La Lega attacca (ma è la prassi)

  • È vero che l'Ue vuole tassare la prima casa? Sì, ma solo se sei ricco

  • Il villaggio di Babbo Natale è in crisi per colpa del Covid

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento