Covid-19, Boris Johnson ottimista: "Ritorno a normalità entro Natale"

Il primo ministro inglese definisce le linee guida sul posto di lavoro e conferisce alle autorità locali il potere di chiudere i bar, annullare gli eventi e ordinare il confinamento in casa

Boris Johnson ha svelato il suo piano per un “ritorno alla normalità” entro Natale, che include una serie di misure per incoraggiare le persone a tornare al lavoro e provvedimenti che permetteranno ad altre autorità, diverse da quelle statali, di emettere ordini di confinamento in casa per affrontare eventuali focolai locali di coronavirus. Pur riconoscendo che le restrizioni mirate potrebbero essere difficili da far rispettare, il primo ministro porta avanti una tabella di marcia per il Regno Unito che, secondo le principali testate britanniche, segna un netto cambio di passo nella strategia del Governo per contrastare la diffusione del Covid-19.

Le nuove norme

Durante una conferenza stampa a Downing Street, Johnson ha affermato che da sabato le autorità locali avranno nuovi poteri per chiudere locali, vietare l’accesso a spazi esterni e cancellare eventi. Inoltre, i regolamenti stabiliti in una bozza ora al vaglio del Parlamento consentiranno al Governo centrale di intervenire nelle varie contee del Regno Unito con ordini di “soggiorno in casa”. Con una mossa a sorpresa, Johnson ha inoltre rassicurato sul fatto che sarà possibile “abbandonare le misure di distanziamento sociale” entro novembre.

Il ritorno in ufficio

Quanto alle regole per i dipendenti delle imprese e delle pubbliche amministrazioni, spetterà ai datori di lavoro discutere con i lavoratori se è opportuno il ritorno in ufficio o in fabbrica dal primo agosto. La maggior parte delle strutture ricreative, tra cui i bowling, le piste di pattinaggio, i casinò e i centri estetici potranno riaprire dal primo agosto. Nessuna novità invece sui locali notturni, che rimarranno chiusi anche all’inizio del mese prossimo. Ammessi i ricevimenti di nozze per un massimo di 30 persone.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Più test per tenere il virus sotto controllo

I test sul coronavirus saranno potenziati per aumentare la capacità di “almeno” mezzo milione di tamponi al giorno, 3,5 milioni a settimana, entro la fine di ottobre. Johnson ha dichiarato: “La mia forte e sincera speranza è che saremo in grado di rivedere le restrizioni in sospeso e consentire un ritorno più significativo alla normalità da novembre, al più presto, forse in tempo per Natale”.  Tuttavia, ha ammonito: “Questo è del tutto subordinato alla nostra capacità di continuare a tenere il virus sotto controllo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Svezia non c'è la seconda ondata, l'epidemiologo di Stato: "La nostra strategia è sostenibile"

  • “Salvini marionetta di Putin”, l'alleato di Berlusconi attacca la Lega

  • La Germania ha deciso: il vaccino per il coronavirus sarà volontario

  • Ryanar taglia il 40% dei voli a ottobre e accusa i governi Ue: "Cattiva gestione della crisi Covid"

  • L'Irlanda mette in quarantena chi arriva dall'Italia

  • Sempre più Tory contro la violazione dei patti sulla Brexit, Cameron quinto ex premier a dire no

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento