Venerdì, 18 Giugno 2021
Attualità

Von del Leyen: “Ue deve scuse all'Italia, non presenti quando ne avevate bisogno”

La presidente della Commissione fa Mea Culpa a nome delle istituzioni di Bruxelles: "Ma le scuse valgono solo se si cambia comportamento, pronti ad aiutare chi ne ha bisogno"

"Molti non erano presenti quando l'Italia ha avuto bisogno di aiuto all'inizio di questa pandemia", e quindi ora "la Ue deve presentare una scusa sentita all'Italia, e lo fa". Il mea culpa, a nome delle istituzioni comunitarie, arriva direttamente dalla presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen.

Le scuse

"Non si può superare una pandemia di tale portata senza la verità: si, è vero che nessuno era veramente pronto ad affrontare questa pandemia. Ed è vero che molti non erano presenti quando l'Italia ha avuto bisogno di aiuto all'inizio di questa pandemia. L'Ue ora deve presentare una scusa sentita all'Italia, e lo fa. Ma le scuse valgono solo se si cambia comportamento. E c'è voluto molto tempo perché tutti capissero che dobbiamo proteggerci a vicenda”, ha affermato parlando al Parlamento europeo a Bruxelles la politica tedesca. “Ma ora la Ue è il cuore pulsante della solidarietà europea, la Ue è in piedi per aiutare chi ha più bisogno”, ha aggiunto.

La sfida economica

Nel futuro per l'Ue oltre alla sfida che riguarda la salute pubblica, c'è anche quella economica, con i Paesi in ginocchio a causa del lockdown. L'Europa "ha avuto crisi economiche prima, ma mai una chiusura come questa. Nessuno ne ha colpa e servono misure senza precedenti", ha detto von Der Leyen, secondo cui "lo shock economico" determinato dalla pandemia di coronavirus "sarà più in alcune regioni”, e per questo “la coesione e la convergenza saranno ancora più importanti che in passato”.

Piano Marshall

Per affrontare la situazione, quindi, "serve un piano Marshall per la ripresa dell'Europa", che deve essere messo in piedi "immediatamente". E l'Mff, il bilancio pluriennale dell'Ue 2021-27, uno strumento in cui gli Stati hanno "fiducia", sarà "la nave madre della nostra ripresa. Per questo motivo il prossimo Mff dovrà essere diverso" dai precedenti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

EuropaToday è in caricamento