menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Ansa/Epa

Foto Ansa/Epa

Coronavirus, due aerei Ue per rimpatriare gli europei da Wuhan messa in isolamento

Un volo trasporterà circa 250 francesi che hanno chiesto di tornare a casa. Pechino ha messo in quarantena la provincia con il bilancio delle vittime arrivato a 100. Primo caso anche in Germania

Con l'intensificarsi dell'epidemia del nuovo Coronavirus dalla Cina l'Unione europea ha deciso di attivare il Meccanismo di protezione civile comunitario a seguito di una richiesta di assistenza da parte della Francia. "Due aerei verranno mobilitati per rimpatriare cittadini dell'Ue dall'area di Wuhan e riportarli in Europa", ha spiegato il commissario europeo per la Gestione delle Crisi Janez Lenarcic. L'Ue, informa la Commissione, cofinanzierà i costi di trasporto.

Wuhan isolata

Al momento il bilancio parla di più di 100 morti e oltre 4.500 contagi in Cina con Wuhan, metropoli nel centro della nazione dove il coronavirus è comparso a dicembre, e quasi tutta la provincia di Hubei, che sono state isolate dalle autorità di Pechino nella speranza di arginare l'epidemia. Da qui la necessità dei voli per i rimpatri. Il primo aereo dovrebbe partire dalla Francia domattina, mentre il secondo dovrebbe decollare più avanti nel corso di questa settimana. I cittadini europei presenti nella regione di Wuhan, epicentro dell'epidemia, e che desiderano essere rimpatriati possono farne ancora richiesta, a prescindere dalla loro nazionalità. Secondo la Commissione, circa 250 cittadini francesi saranno trasportati dal primo aereo e oltre 100 cittadini di altri Paesi membri dal secondo. Si tratta, specifica la Commissione, di una prima richiesta di assistenza; altre potrebbero seguire nei prossimi giorni.

Viaggeranno solo gli asintomatici

In questa fase "solo i cittadini in salute o asintomatici saranno autorizzati a viaggiare". Il Centro Ue per le emergenze "è in costante contatto con i governi degli Stati membri per coordinare gli arrivi e i possibili conseguenti periodi di quarantena". La Commissione è in "regolare contatto" con gli Stati membri, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie e l'Organizzazione Mondiale della Sanità su "tutti gli aspetti dell'epidemia da coronavirus".

Primo caso in Germania

In Germania intant è stato confermato un primo caso di coronavirus, nello stato sudorientale della Bavaria. A renderlo noto è stato il ministero della Salute bavarese. "Un uomo della zona di Starnberg è stato infettato dal nuovo virus" ed "è stato posto sotto controllo medico e in isolamento," ha spiega un portavoce del dicastero. Il paziente per fortuna è "in buone condizioni mediche", ha aggiunto la fonte. I suoi parenti sono stati informati dei sintomi che possono comparire in caso di malattia, nonché delle precauzioni igieniche da adottare.

Tre pazienti in Francia

La Germania diventa così il secondo paese in Europa ad essere colpito dal coronavirus, dopo tre casi in Francia confermati il 24 gennaio. I tre pazienti, uno a Bordeaux e due a Parigi, avevano recentemente viaggiato in Cina. La Germania ha invitato ieri i suoi cittadini a evitare viaggi "non essenziali" nel Paese.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento