rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Attualità

Terapie intensive in affanno in Olanda, pazienti trasferiti in Germania

I contagi sono in aumento del 39% rispetto alla settimana precedente, nonostante un alto numero di vaccinati. Molti ospedali sono stati costretti a rimandare cure essenziali come quelle contro il cancro

In Olanda gli ospedali sono sotto pressione a causa dei troppi malati di coronavirus, tanto che alcuni di questi sono stati costretti a rinunciare a curare alcuni pazienti affetti da altre malattie, anche gravi. Per questo le autorità sanitarie hanno deciso di trasferire alcuni dei pazienti nella vicina Germania. Il primo è stato questa mattina un uomo di Rotterdam, trasferito in ambulanza a un ospedale di Bochum, a circa 240 chilometri di distanza, seguito da un secondo nelle ore successivo.

Nelle ultime settimane il numero di pazienti Covid ricoverati negli ospedali olandesi ha raggiunto il picco da maggio e si prevede che aumenti ulteriormente con il crescere dei contagi. Il Paese ha registrato circa 23mila nuove infezioni in 24 ore. I numeri dell'istituto sanitario nazionale hanno mostrato che sono stati registrati 153.957 nuovi casi in sette giorni, un aumento del 39% rispetto alla settimana precedente.

Su un totale di 1.050 posti letto di terapia intensiva nei Paesi Bassi, 488 sono stati utilizzati per i pazienti Covid-19. Di fronte a questa situazione gli ospedali stanno ridimensionando altre procedure, tra cui trattamenti contro il cancro e operazioni al cuore. "Ci sono malati di cancro che dovrebbero essere operati entro sei settimane dalla diagnosi, e che non potranno sempre esserlo. È orribile, ovviamente, per i pazienti", ha ammesso un portavoce della Lcps, l'organizzazione nazionale che assegna le risorse ospedaliere, secondo quanto riporta la Reuters.

In totale, 49 dei 73 ospedali olandesi affermano di essere in ritardo sui trattamenti non essenziali e la capacità delle sale operatorie è stata ridotta del 29% a livello nazionale a causa della mancanza di personale che si occupi degli interventi ordinari. Nonostante ben l'85% della popolazione adulta sia vaccinata, come riporta DutchNews.nl il capo della Lcps, Ernst Kuipers, ha dichiarato ieri che con l'attuale tasso di aumento dei contagi, il numero di pazienti affetti da coronavirus in ospedale eguaglierà il picco dello scorso inverno entro pochi giorni.

Gli ospedali tedeschi in totale hanno offerto 20 posti letto ai pazienti dei Paesi Bassi, dopo averne curati dozzine durante le precedenti ondate di pandemia. I piani del governo di Amsterdam di imporre ulteriori restrizioni per contenere il virus hanno provocato tre notti di rivolta a partire da venerdì e più di 170 arresti nelle città del Paese.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terapie intensive in affanno in Olanda, pazienti trasferiti in Germania

Today è in caricamento