menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Ansa  EPA/Zoltan Balogh

Foto Ansa EPA/Zoltan Balogh

Bruxelles acquista milioni di mascherine ma ne blocca l'invio: non sarebbero a norma Ue

Polonia e Olanda, destinatarie del primo lotto di un carico da 10 milioni destinato a medici e infermieri impegnati nella lotta al Covid-19 di tutta Europa, hanno scoperto che sono a rischio e lanciato l'allarme

Dieci milioni di mascherine mediche destinate agli operatori sanitari di 17 Stati membri dell'Unione europea, compresa l'Italia, impegnati nella lotta alla pandemia di coronavirus, sono state bloccate perché pericolose.

L'allarme di Polonia e Olanda

La Commissione europea ha scoperto che il primo lotto di 1,5 milioni di dispositivi potrebbe non essere conforme agli standard Ue e per questo ha fermato le spedizioni per non mettere in pericolo medici e infermieri. "Abbiamo preso nota" delle segnalazioni inviate dalle autorità di Polonia e Paesi Bassi, e chiesto a tutti i Paesi destinatari del materiale "di tenerci al corrente" su possibili problemi relativi alla qualità, ha spiegato un portavoce della Commissione. In via precauzionale, Bruxelles ha deciso di "sospendere" le forniture del materiale, e "se necessario prenderemo le azioni legali richieste", ha aggiunto il portavoce, precisando che "nel quadro dell'acquisto delle maschere”, l'esecutivo comunitario “ha scrupolosamente seguito le procedure di controllo".

Sostegno all'emergenza

La Commissione europea ha acquistato attraverso lo strumento Ue di sostegno d'emergenza 10 milioni di mascherine. La settimana scorsa era partita la consegna del primo lotto da 1,5 milioni di dispositivi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento