Il piano di Erdogan contro il coronavirus: mascherine gratis a tutti i cittadini

Il presidente ha lanciato un piano straordinario di produzione impiegando anche l'esercito. Ne dovrebbero essere inviate cinque a settimana ad ogni abitante del Paese

Foto Ansa EPA/SEDAT SUNA

In sempre più regioni e Paesi le mascherine stanno diventando obbligatorie per uscire di casa a causa della pandemia di coronavirus. Mentre diventano fondamentali il loro prezzo tende ad aumentare, a volte anche in maniera criminale. E adesso un Paese vorrebbe distribuirle gratuitamente a tutta la popolazione.

Il piano di Erdogan

Si tratta della Turchia di Recep Tayyip Erdoğan che ha lanciato un ambizioso programma per far arrivare maschere chirurgiche gratuite nelle mani di tutti gli 82 milioni di residenti della nazione, nel tentativo di combattere la diffusione del contagio, consentendo al tempo stesso la ripresa dell'economia del Paese. Questa settimana Ankara ha lanciato un sito web in cui sia i cittadini che i residenti ufficiali possono registrarsi per ricevere cinque maschere chirurgiche gratuite a settimana consegnate dal servizio postale nazionale. “Abbiamo abbastanza scorte di maschere e piani di produzione per tutti i nostri cittadini fino alla fine dell'epidemia ”, ha rivendicato Erdogan.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mobilitato l'esercito

Per riuscire in questo obiettivo è stato anche mobilitato l'esercito che produrrà, a partire dalla prossima settimana, 10 milioni di mascherine chirurgiche a settimana. Nel Paese finora almeno 34mila persone sarebbe risultate positive al Covid-19 e di queste ne sono morte 725 persone, un bilancio delle vittime secondo solo all'Iran in Medio Oriente. Erdogan in una lettera indirizzata ai cittadini con più di 65 anni, obbligati dalle misure di prevenzione contro il Covid-19 a restare a casa,ha affermato che "nessun virus e nessuna epidemia sono più forti della Turchia", e ha lodato gli sforzi "dell'esercito sanitario", che può contare su 165 mila medici, 490 mila altri operatori sanitari e 360 mila impiegati nelle strutture del settore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Noi lavoriamo per pagare le vacanze agli italiani", settimanale olandese contro gli aiuti Ue

  • La "Vespa cinese" troppo simile a quella Piaggio, Ue blocca lo scooter di Pechino

  • Barbecue con carne e vino mentre erano in servizio, inchiesta su tre poliziotti

  • "Isoliamo virus simili al Covid, ma pandemia non è colpa nostra": il laboratorio di Wuhan respinge le accuse

  • Tutti i bambini a scuola, senza mascherine e social distancing: la scelta del Belgio

  • Aiuti all'Italia un “suicidio politico”. Le reazioni degli alleati di Salvini e Meloni al fondo Ue anti-Covid

Torna su
EuropaToday è in caricamento