Coronavirus, italiani bloccati all'estero: oltre 10mila rimpatri. Molti sono Erasmus

La Farnesina insieme ad Alitalia e Neos sta cercando di aumentare le tratte prima che diventi impossibile ripartire. Tantissimi i giovani che vogliono tornare dalle famiglie

Foto Ansa, Matteo Bazzi

Con i casi di coronavirus che aumentano ormai in tutto il mondo e sempre più nazioni che mettono in quarantena le proprie città, sono migliaia gli italiani che decidono di tornare a casa dall'estero, in un esodo all'incontrario.

Tanti i voli cancellati

La pandemia ha portato alla cancellazione della maggior parte dei voli da e per l’Italia almeno fino ad inizio aprile e alla sospensione quasi completa di tutti gli altri mezzi di trasporto possibili per tornare in Italia. "Solo martedì sono stati rimpatriati 1.200 italiani, e negli ultimi giorni - facendo un calcolo a spanne - sono stati circa 10mila", ha confermato ieri il capo dell'Unità di crisi, Stefano Verrecchia, a Mi manda Rai3. Per gli italiani rimpatriati "ci sarà una quarantena fiduciaria, che significa rimanere a casa 14 giorni e poi mettersi in contatto con le proprie Asl", ha detto Verrecchia, precisando anche che l'Unità di crisi riceve circa "6mila telefonate al giorno" di connazionali che segnalano la loro presenza all'estero e la volontà di rientrare. I biglietti però sono spesso cari, fino a 700 euro, e per questo Potere al Popolo ha lanciato ad esempio un appello perché sia lo Stato a farsi carico del costo.

Si attiva Di Maio

Per facilitare il loro ritorno a casa il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, si sta coordinando con i vertici di Alitalia e Neos e sta svolgendo riunioni in call conference con i vertici della Farnesina (qui la pagina Twitter per seguire tutti gli ultimi aggiornamenti). Così facendo è riuscito a sbloccare diversi voli per rimpatriare i connazionali non residenti in altri Paesi e gli studenti Erasmus. Ci sono stati voli sbloccati in Romania, dove ci sono molti studenti di medicina, Madrid e Malaga in Spagna, dove ci sono circa mille giovani in Erasmus, e poi Londra e Marocco. I biglietti sono già in venduta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I voli in programmazione

In programmazione ci sono anche voli in Tunisia, Serbia, Polonia e altri Paesi. In Francia la tratta Parigi-Roma continua ad essere operativa. Questi gli accordi presi con Alitalia e Neos: Londra, ok 4 voli in vendita (di cui uno da 330 posti), Algeria in vendita ''privata'', Tunisia in pianificazione, Romania 3 voli in vendita, Madrid 4 voli da 330 posti in vendita, Malaga 2 voli in vendita, Parigi 2 voli in vendita, Bruxelles 1 volo al giorno + 2 voli in più 2 volte alla settimana, Olanda (dirottati su Parigi), Serbia in attesa, Polonia in attesa. Neos: Marocco 4 voli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Altro che Mes, l'Italia pronta a rinunciare anche ai prestiti del Recovery fund

  • Svezia sicura della sua strategia, elimina anche le restrizioni per anziani e vulnerabili

  • È vero che l'Ue vuole tassare la prima casa? Sì, ma solo se sei ricco

  • La Corte Ue "salva" il taglio dei vitalizi agli eurodeputati italiani

  • Si rifiuta di stringere la mano alle donne. Negata cittadinanza a medico libanese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento