Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Attualità

Ospedali pubblici sotto sforzo, la Grecia 'confisca' le cliniche private

A Salonicco il sistema pubblico non riesce più a reggere l'impatto della pandemia e per questo sono state requisite due strutture

Gli ospedali della Grecia sono sotto pressione a causa della pandemia di coronavirus, e per questo il governo ha deciso di chiedere, anzi pretendere, l'aiuto delle cliniche private a cui ha imposto di mettere a disposizione dei posti letti per il sistema pubblico.

L'emergenza a Salonicco

Nello specifico la situazione di emergenza si è verificata a Salonicco, la seconda città più popolosa della nazione, dove il numero di casi e le conseguenti ospedalizzazioni sono in costante aumento. Inizialmente Atene aveva invitato i privati a fare la loro parte ma ha ricevuto un rifiuto. "Il ricovero in un ospedale pubblico non ha nulla a che fare con il ricovero in un ospedale privato", aveva risposto detto l'associazione delle cliniche private, aggiungendo che "è molto diverso per un paziente essere curato in un'unità Covid-19 di un ospedale pubblico - dove sono disponibili tutte le attrezzature necessarie - che essere curato in una clinica privata dove né il personale necessario è formato per i casi di coronavirus né lì è disponibile un'attrezzatura specializzata".

Le cliniche: "Non siamo preparati"

A seguito del rifiuto delle cliniche di aderire alla richiesta del governo quest'ultimo ha deciso di procedere allora con la requisizione di due cliniche nella città. "Non siamo preparati a curare pazienti affetti da Covid-19", si è giustificato Grigoris Sarafianos, presidente dell'Associazione Pan-Ellenica delle Cliniche, all'emittente televisiva pubblica Ert. “Il personale deve essere formato. Questo non è qualcosa che può accadere in un solo giorno ", ha continuato, sottolineando che circa 3.800 infermieri e medici privati erano stati arruolati nel sistema sanitario pubblico a febbraio, lasciando le cliniche private con una carenza di personale esperto. "Il sistema sanitario è sotto pressione e le prossime settimane saranno critiche. Dobbiamo limitare questa pressione", ha dichiarato Stelios Petsas, portavoce del governo, su Ert. Nuove misure sono state prese nel nord del Paese a causa della situazione epidemiologica, compresa la chiusura di un posto di frontiera con l'Albania ordinata dal governo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ospedali pubblici sotto sforzo, la Grecia 'confisca' le cliniche private

Today è in caricamento