menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, i deputati non lavorano: "Le indennità non percepite vadano alle attrezzature mediche”

Con il blocco delle attività del Parlamento europeo, molti rimborsi non verranno elargiti agli onorevoli. E Fratelli d’Italia propone di devolversi “per aiutare i governi e i cittadini dell'Ue a superare questa crisi”

Spostare le risorse inutilizzate del Parlamento europeo per la lotta al coronavirus. Questa è l’idea degli eurodeputati di Fratelli d’Italia, che assieme agli alleati polacchi del Pis hanno scritto al presiedente dell’Eurocamera, David Sassoli

La richiesta

“Alla luce delle gravi lotte che i Governi degli Stati membri stanno affrontando per la pandemia da coronavirus - si legge nella lettera - chiediamo che il Parlamento europeo si impegni attivamente per aiutare i Governi e i cittadini dell'Unione europea a superare questa crisi”. 

L'acquisto di attrezzature mediche

I due presidenti del gruppo dei Conservatori e Riformisti europei, Raffaele Fitto e Ryszard Legutko chiedono “che le risorse previste per pagare le indennità giornaliere dei parlamentari europei, che non sono state e non verranno in buona parte utilizzate a seguito delle restrizioni alla partecipazione, delle nuove modalità di voto e delle modifiche all'agenda parlamentare dei prossimi mesi, vengano immediatamente destinate all'acquisto di attrezzature mediche per fronteggiare l’emergenza sanitaria nei vari Stati membri”. 

“Ci auguriamo - conclude la lettera - che la proposta possa essere accolta dal Presidente Sassoli e da tutti i gruppi politici”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Estate alle Maldive? Il Paese offrirà il vaccino ai turisti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento