menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine a scopo illustrativo - foto archivio Ansa

Immagine a scopo illustrativo - foto archivio Ansa

Addio sediolino centrale, il piano di EasyJet per tornare a volare nella fase 2

La compagnia sta studiando come poter operare rispettando le norme di social distancing imposte dalla pandemia di coronavirus. Per Ryanair la cosa sarebbe "irrimediabilmente inefficace"

Quello centrale è il posto più odiato negli aeroplani, non avendo né il vantaggio di permettere di guardare fuori dal finestrino, né quello di potersi alzare quando si vuole senza chiedere permesso a nessuno. Da sempre stare al centro è soltanto una seccatura, soprattutto quando ci si trova in mezzo a due sconosciuti, uno dei quali ci si deve sempre alzare per lasciarlo passare quando ne ha bisogno, e l'altro a cui si deve chiedere permesso se si vuole andare in bagno.

Social distancing in volo

Ma ora, con le nuove misure di distanza sociale legate alla pandemia di coronavirus, nessuno dovrà più temere di finirci, o dovrà pagare per non finirci, almeno sui voli EasyJet. La compagnia low-cost britannica sta studiando un piano per poter tornare a volare il prima possibile, e uno dei punti che sono presi in considerazione è quello di vietare la fila centrale, per assicurare così il social distancing.

Meno biglietti

La cosa sarà resa più semplice perché, secondo le previsioni, le vendite dei biglietti saranno molto poche alla fine del lockdown, e ci vorranno mesi prima che si torni alla normalità. "La nostra ipotesi è che il numero dei passeggeri non tornerà alla normalità all'inizio, il che significa che avremo l'opportunità eliminare il posto intermedio. Ma si tratterebbe solo di una fase iniziale e nessuno sa per quanto tempo quella fase durerà", ha spiegato l'amministratore delegato Johan Lundgren, agiungendo che la compagnia sta anche "esaminando vari programmi di disinfestazione sull'aereo". L'intera flotta della Low Cost è stata fermata a partire dal 30 marzo scorso e ora le vendite di biglietti, per il prossimo inverno, sono già molto sotto la media.

Il 'no' di Ryanair

A differenza della EasyJet, la sua principale rivale Ryanair, non ha in programma di mettere in campo un intervento simile. Per il suo amministratore delegato, Michael O 'Leary, eliminare il sediolino centrale sarebbe "irrimediabilmente inefficace" per tenere i passeggeri al sicuro e sarebbe inoltre insostenibile per le compagnie aeree.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Perché l’Italia è il primo Paese Ue a bloccare l’export di vaccini

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento