menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, in Italia la quota di decessi più alta al mondo

Secondo le ultime stime, i morti sul totale dei contagiati in tutto il globo rappresentano il 3,4%. Il bollettino italiano di domenica dava una percentuale del 4,9. Più alta della Cina e della Corea del Sud. In Germania finora 0 vittime accertate

Ci sarà un tempo in cui gli scienziati spiegheranno le ragioni. Ma per il momento le fredde statistiche sui contagiati dal coronavirus nel mondo segnalano che l'Italia è il Paese al mondo con la più alta percentuale di decessi, ben il 4,9%, stando al bollettino di domenica 8 marzo. In Cina, dove i contagi si stanno riducendo di giorno in giorno, la quota è del 3,8%. Allargando lo sguardo ai circa 110mila contagiati nel globo, la percentuale di ferma al 3,4%.

Fattori e variabili

Come dicevamo, non ci sono a oggi spiegazioni per queste discrepanze. Di sicuro, possono giocare un ruolo fattori come l'età media della popolazione, in Italia tra le più alte al mondo, o la qualità dei sistemi sanitari. Ma è troppo presto per dire con precisione cosa abbia contribuito a fare del nostro Paese quello dove si muore di più di coronavirus, almeno finora. Tra le variabili da tenere in considerazione, hanno spiegato gli esperti negli ultimi giorni, c'è anche il metodo di conteggio dei decessi in presenza di altre gravi patologie di cui molte vittime del virus soffrivano prima di essere contagiate. 

Il confronto con Corea del Sud e Iran

In Corea del Sud, dove il numero di contagiati è in linea con quello italiano, oltre i 7mila, i morti accertati finora sono stati 53 contro i 366 del Belpaese. La percentuale è dello 0,7. Anche in Iran, che ha dichiarato più o meno gli stessi contagi dell'Italia, la quota di vittime ufficiali è del 2,9%

Gli altri Stati Ue

Un altro confronto significativo è quello con Germania, Francia e Spagna, dove i contagi per Paese si aggirono intorno ai mille: è più o meno il numero che l'Italia segnalava al 29 febbraio scorso: da noi, all'epoca, i decessi erano stati 29. In Spagna, se ne contano 25, in Francia 19, mentre in Germania le statistiche ufficiali parlano di 0 vittime nel momento in cui scriviamo. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Perché l’Italia è il primo Paese Ue a bloccare l’export di vaccini

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento