Fondi anti-coronavirus, i presidenti Ue si riuniscono. Ma senza quello italiano

Meeting tra Commissione, Consiglio, Bce ed Eurogruppo per trovare un'intesa dopo lo scontro su coronabond e Mes. Dal tavolo escluso il rappresentante dell'Eurocamera Sassoli, che nei giorni scorsi aveva attaccato "la miopia e l'egoismo di alcuni governi"

Da sinistra Charles Michel, Ursula von der Leyen e David Sassoli

Al termine del vertice dei capi di Stato e di governo dell'Ue della scorsa settimana, dinanzi alla frattura sempre più profonda tra Italia e Spagna da un lato e Germania e Olanda dall'altro, i leader avevano affidato all'Eurogruppo il compito di trovare una soluzione per ricomporre le divisioni tra pro-coronabond e pro-Mes. Il premier iberico Pedro Sanchez aveva invece proposto di allargare il tavolo di lavoro a Bce, Commissione, Consiglio e Parlamento. Ma l'idea non era piaciuta alla cancelliera Angela Merkel. Alla fine, si è trovata una via di mezzo: tavolo allargato, ma senza una istituzione, l'Eurocamera.

Il motivo di questa esclusione non è chiaro. Al tavolo dei negoziati si sono presentati i presidenti del Consiglio europeo Charles Michel, della Bce Christine Lagarde, della Commissione Ursula von der Leyen e dell'Eurogruppo Mario Centeno. Mancava invece, perché a quanto pare non invitato, il presidente del Parlamento David Sassoli. Solitamente, quando l'Ue si affida a questo tipo di formati per prendere delle decisioni importanti, i presidenti sono 5, data anche l'importanza dell'unica istituzione europea direttamente eletta dai cittadini, il Parlamento per l'appunto. Per esempio, il formato dei "cinque presidenti" è già stato usato negli anni scorsi per l'elaborazione delle proposte sul cosiddetto "approfondimento" dell'Unione economica e monetaria.

Perché allora non invitare Sassoli? Un motivo potrebbe essere la posizione espressa dall'esponente del Pd in merito allo scontro su coronabond e Mes. Nei giorni scorsi, Sassoli aveva criticato "la miopia e l'egoismo di alcuni governi", con un riferimento chiaro a Germania e Olanda. E dopo essersi espresso a favore di strumenti di debito comuni, quindi dei coronabond, aveva bacchettato la presidente von der Leyen per aver definito "sologan" questo tipo di strumenti.

Un altro motivo dell'esclusione di Sassoli potrebbe essere dovuta a una questione di equilibri geografici e tra le principali famiglie politiche europee: Michel è belga e liberale, von der Leyen è tedesca e popolare, Centeno è portoghese e socialista, Lagarde è francese e popolare.  I 4, per provenienza geografica e politica, garatirebbero un maggiore equilbrio tra i due fronti dello scontro di quello che vi sarebbe stato con la presenza di un socialista italiano. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' una ipotesi che fa il pari con quanto ricostruito dal quotidiano spagnolo El Pais, secondo cui alla proposta del premier Sanchez di riunire i 5 presidenti per trovare una soluzione alle misure Ue contro la crisi economica provocata dal coronavirus, la cancelliera Merkle s era opposta con un secco "nein". Un 'no' che la cancelliera, sempre secondo il resoconto pubblicato da El Paìs, davanti alla domanda di Sanchez ("Angela, come è possibile che non ti fidi di un'informativa elaborata dalle nostre istituzioni?") avrebbe motivato così: "Perché proporrebbe delle cose su cui non posso impegnarmi". E se "quello che state aspettando sono i coronabond - avrebbe detto Merkel a Giuseppe Conte - non arriveranno mai. Il mio Parlamento non lo accetterebbe".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Ue "promuove" la Calabria sul Covid: unica regione verde in Italia e tra le poche in Europa

  • Ue vara la prima mappa comune del Covid: Italia in codice arancione, rosso per Spagna, Olanda e Francia

  • Il décolleté della premier divide la Finlandia: "Fa la modella invece di pensare al Covid"

  • Conte va via e lascia Merkel a rappresentare l'Italia al vertice Ue. La Lega attacca (ma è la prassi)

  • Addio "lockdown smart", l'Olanda chiude bar, coffeeshop e ristoranti e vieta l'alcool

  • Il villaggio di Babbo Natale è in crisi per colpa del Covid

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento