Copyright, 13 eurodeputati ammettono: “Abbiamo sbagliato tasto nel voto determinante”

Il testo sarebbe stato riaperto agli emendamenti e, forse, modificato nelle sue parti controverse. Ma ora è troppo tardi per tornare indietro. Delusione tra i sostenitori di #SaveYourInternet 

Il semaforo verde finale alla direttiva sul diritto d’autore nelle piattaforme digitali sarebbe arrivato grazie ad un banale, per non dire tragicomico, errore nelle fasi di voto elettronico. All’indomani del via libera di Strasburgo alla controversa riforma, ben 13 deputati europei hanno fatto notare ai servizi dell’Eurocamera di aver sbagliato tasto nel voto che avrebbe consentito di emendare il testo finale.

Prima dell’approvazione finale, gli europarlamentari erano infatti chiamati a decidere se volevano un solo voto sull'intera riforma, o se preferivano votare individualmente su ciascuno degli emendamenti presentati. Con una maggioranza ristretta, di soli cinque parlamentari, l’Eurocamera ha negato la riapertura del testo agli emendamenti, blindando la riforma poi approvata.

Ma a poche ore dal voto finale, tredici eurodeputati hanno messo nero su bianco il loro errore, come si può notare nella versione aggiornata del processo verbale. Dieci di loro avrebbero voluto votare a favore della riapertura del testo agli emendamenti, due avrebbero invece voluto votare contro e uno solo europarlamentare - che aveva votato contro la riapertura - intendeva astenersi. A conti fatti, la riapertura del testo sarebbe passata con 322 voti a favore, 314 contrari e 25 astenuti. 

I dieci legislatori che hanno votato contro o si sono astenuti per poi correggere la registrazione dei loro voti sono: Gerolf Annemans (gruppo Enf), Johannes Cornelis van Baalen (Liberali), Dita Charanzová (Liberali), Martina Dlabajová (Liberali), Antanas Guoga (Popolari), Eva Joly (Verdi), Jo Leinen (Socialisti), Peter Lundgren (Conservatori), Michèle Rivasi (Verdi) e Kristina Winberg (Conservatori). 

“Temo fortemente che alcuni “errori” siano stati volontari e che la correzione del voto sia la via d'uscita migliore per alcuni eurodeputati sotto pressione”, ha twittato Umberto Gambini, assistente dell’europarlamentare liberale Ramon Tremosa, favorevole alla modifica del testo.

Comunque la si pensi, gli eurodeputati “sbadati”, tra i quali non figura alcun italiano, non potranno tornare sui loro passi. La registrazione degli errori non prevede alcuna modifica del voto espresso e la direttiva sul copyright può intendersi definitivamente approvata dal Parlamento europeo, e in attesa di via libera finale dagli Stati membri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Dal 1 gennaio basterà un ritardo di pagamento di 100 euro per finire nella blacklist delle banche”

  • Bimba di 2 anni uccisa dalla polizia, mobilitazione internazionale per chiedere giustizia

  • George Clooney attacca Orban: “In Ungheria solo rabbia e odio”. La replica: “Consigliato da Soros”

  • Sci, Austria contro l'Italia: "Nostri impianti resteranno aperti, se Ue ci obbliga ci risarcisca"

  • Dopo il confinamento la Francia vede la fine del tunnel. In Spagna a gennaio partono le vaccinazioni

  • Neonazismo e antisemitismo: si dimette l'alleato olandese di Giorgia Meloni

Torna su
EuropaToday è in caricamento