Venerdì, 6 Agosto 2021
Attualità

In Europa sono sempre meno i Paesi che impongono ancora il coprifuoco

Al momento la misura, oltre che in Italia, è mantenuta solo in Austria, Grecia, Francia, Germania, Slovacchia e Ungheria. Gli altri Stati membri dell'Ue o non l'hanno mai imposta o l'hanno eliminata

Coprifuoco in Germania - foto Ansa EPA/SASCHA STEINBACH

In Italia infuria il dibattito sulla necessità di mantenere un coprifuoco per diminuire il numero dei contagi da coronavirus, ma il nostro non è l'unico Paese a imporre ancora questa misura, anche se sono sempre più le nazioni che la stanno eliminando.

I Paesi che lo mantengono

Il coprifuoco più severo è in vigore in Francia, dove l'obbligo di restare in casa parte addirittura alle sette di sera. Molto severo è anche quello austriaco, che è stato fissato alle otto di sera. In Germania, grazie a una nuova legge voluta dal governo di Angela Merkel, Berlino ha il potere di imporre il coprifuoco agli Stati federali tra le dieci di sera e le 5 del mattino, ma solo se i casi superano la media di 100 per 100mila residenti per tre giorni consecutivi. L'esecutivo sta pensando però di esentare i cittadini vaccinati. Le autorità greche hanno avviato lo scorso tre maggio una graduale revoca delle restrizioni dovute al Covid-19, e l'orario di coprifuoco giornaliero inizia ora alle 23, invece che alle 21, e dura fino alle cinque del mattino. Altri Paesi che impongono ancora l'ordine di restare a casa sono l'Ungheria, dove però inizia soltanto a mezzanotte e la Slovacchia, dove inizia alle 21 e, solo nelle regioni con più contagi, alle cinque del pomeriggio.

Dove non c'è

Le vicine Slovenia e Repubblica ceca lo hanno eliminato entrambe ad aprile. Nessun coprifuoco nei Paesi scandinavi, Finlandia, Svezia e Danimarca, con quest'ultimo che sta togliendo tutte le restrizioni grazie al passaporto vaccinale. Anche nell'ormai ex Paese membro, il Regno Unito di Boris Johnson, la misura non è mai stata presa in considerazione, così come in Irlanda. Il coprifuoco è stato anche eliminato sabato scorso in Belgio e a fine aprile nei Paesi Bassi, con gli esperti del governo di Amsterdam che hanno ammesso che non è stato utile per ridurre le ospedalizzazioni, anche se ritenuto comunque necessario per far calare in numero dei contagi. Niente ordine di restare a casa nemmeno in Portogallo mentre l'ultimo Paese che ha sospeso la misura è stata la Spagna. A partire dal nove maggio Madrid ha revocato lo stato d'emergenza e posto fine al coprifuoco, che partiva alle 11 di sera, in 13 delle 17 regioni della nazione, con alcuni province autonome che hanno deciso di mantenerlo ancora per un po'. I video delle feste per strada per celebrare l'avvenimento a Barcellona e Madrid hanno fatto il giro del mondo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In Europa sono sempre meno i Paesi che impongono ancora il coprifuoco

Today è in caricamento