rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Covid / Germania

Il Consiglio etico tedesco: "Giusto obbligo vaccinale, ma non è la panacea contro la pandemia"

Berlino ha chiesto il parere di questo organo consultivo, in attesa della decisione del Parlamento. Ma avverte: “Non si usi la forza con chi si oppone”

Il Consiglio etico tedesco si è detto favorevole all’introduzione delle vaccinazioni obbligatorie contro il Covid per tutte le persone di età superiore ai 18 anni. Il parere, anche se non vincolante, potrebbe portare la Germania sulla strada già imboccata dai vicini di casa austriaci: il governo, infatti, aveva dato il suo ok all'attuazione dell'obbligo nel 2022, rimettendosi però al parere del Consiglio etico e al voto del Parlamento tedesco, al quale adesso spetta l'ultimo passo. 

La decisione del Consiglio etico tedesco - un organo consultivo di nomina governativa e parlamentare, che comprende 26 esperti di vari ambiti, inclusi teologi, medici, biologi e avvocati - ha comunque segnato una profonda spaccatura interna. L’ok all’obbligo per tutta la popolazione a vaccinarsi è passato a maggioranza semplice, con soli 13 voti a favore. Più largo il consenso degli esperti in merito all’estensione dell’attuale obbligo a vaccinarsi, che oggi riguarda solo limitate categorie di pazienti, a tutte le persone vulnerabili. Va però ricordato che in Germania non è ancora in vigore alcun obbligo di immunizzazione per il personale sanitario e a contatto coi pazienti, anche se tale provvedimento è allo studio del nuovo governo. Il Consiglio etico ha poi rigettato l’uso della forza nei confronti di chi si opporrà al vaccino anche qualora Berlino dovesse introdurre l’obbligo. 

La scelta degli esperti, ha evidenziato l’agenzia Deutsche Welle, ha ribadito che gli alti tassi di vaccinazione sono fondamentali per passare dall’emergenza dovuta alla quarta ondata a una situazione sotto controllo. “Attualmente - hanno spiegato gli esperti - il sistema sanitario tedesco ha raggiunto il limite in molte aree” del Paese. “Le varianti virali come l’Omicron e le previste ulteriori varianti del virus stanno costringendo gli esperti a rivalutare costantemente le loro stime sulla futura evoluzione della pandemia”, si legge ancora nel resoconto della decisione. In ogni caso, hanno spiegato i membri del Consiglio etico, “la vaccinazione obbligatoria non potrà essere la panacea per la pandemia”, ma “va considerata solo come parte di una strategia globale, basata sull’evidenza scientifica”.

Il Consiglio etico ha infine affermato che l'ampliamento della vaccinazione obbligatoria dovrebbe essere comunque affiancata da una serie di misure per convincere gli scettici su base volontaria, come la diffusione per le categorie meno vaccinate di informazioni specifiche in formato multilingue e di facile comprensione, anche tramite i social media.

Come dicevamo, adesso l'ultimo passo spetta al Parlamento tedesco. L'opinione pubblica in Germania sembra aver cambiato idea sull'argomento: se in estate circa i due terzi degli intervistati erano contrari all'obbligo del vaccino, la proporzione si è completamente invertita durante l'autunno, con il 64% dei tedeschi ora a favore, secondo un sondaggio condotto a inizio mese per alcune tv private. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Consiglio etico tedesco: "Giusto obbligo vaccinale, ma non è la panacea contro la pandemia"

Today è in caricamento