rotate-mobile
Martedì, 21 Maggio 2024
L'impegno / Israele

Dalla conferenza di Parigi un miliardo di aiuti per Gaza, Macron: "Serve cessate il fuoco"

Gli impegni dei partecipanti all'evento saranno però inutili senza almeno uno stop dei bombardamenti che permetta ai camion di entrare. Israele potrebbe concedere quattro pause di quattro ore

Oltre un miliardo di aiuti umanitari per la popolazione palestinese. È questo il risultato più concreto raggiunto alla "conferenza umanitaria" su Gaza organizzata a Parigi, in Francia. Gran parte di questi aiuti serviranno a soddisfare le esigenze delle Nazioni Unite per aiutare la popolazione di Gaza e della Cisgiordania, stimate in 1,2 miliardi di dollari fino alla fine del 2023 dalle Nazioni Unite. L'evento è stato organizzato dal presidente Emmanuel Macron nel tentativo di sbloccare gli aiuti alla Striscia martoriata dai bombardamenti di Israele dopo l'attacco di Hamas del 7 ottobre.

Segui gli aggiornamenti in diretta dal conflitto

"Dobbiamo lavorare per proteggere i civili. Per raggiungere questo obiettivo, abbiamo bisogno di una pausa umanitaria molto rapida e dobbiamo lavorare per un cessate il fuoco", ha dichiarato il capo di Stato francese di fronte ai rappresentanti di circa cinquanta Paesi e organizzazioni umanitarie. Se Israele ha "il diritto di difendersi e il dovere di proteggere il proprio popolo", il suo governo ha anche "l'eminente responsabilità di rispettare la legge e proteggere i civili". Il piccolo territorio palestinese in cui vivono oltre 2 milioni di persone è sotto assedio da quando, il 7 ottobre, Hamas ha lanciato un attacco violento e senza precedenti contro Israele, uccidendo più di 1.400 persone, la maggior parte delle quali civili. Gli attacchi di Israele, che ha giurato di "annientare" la milizia islamica, hanno ucciso più di 10mila persone, soprattutto civili, secondo le autorità sanitarie di Gaza. Ma un funzionario militare israeliano ha affermato che "non c'è alcuna crisi umanitaria nella Striscia di Gaza", pur riconoscendo "molte difficoltà" per i civili palestinesi.

Annunciata frettolosamente la scorsa settimana, la conferenza ha riunito soprattutto rappresentanti di secondo livello, in assenza del governo israeliano. Ma nessuna promessa di aiuti ha senso senza la possibilità per i camion di entrare effettivamente nella Striscia, e le organizzazioni umanitarie, rappresentate in forza all'evento, hanno denunciato l'impossibilità di consegnare gli aiuti finché continueranno i bombardamenti sulla Striscia. "Non possiamo aspettare un altro minuto per un cessate il fuoco umanitario a Gaza e per la rimozione di un assedio che è una punizione collettiva per un milione di bambini", ha tuonato Jan Egeland, segretario generale del Consiglio norvegese per i rifugiati (Nrc).

Israele avrebbe accettato di sospendere le operazioni nel nord di Gaza per quattro ore al giorno a partire da oggi (giovedì 9 novembre), ha dichiarato la Casa Bianca. Le pause dovrebbero consentire alle persone di fuggire lungo due corridoi umanitari e rappresentano un primo passo significativo, ha dichiarato il portavoce di Washington per la sicurezza nazionale John Kirby. "Gli israeliani ci hanno detto che non ci saranno operazioni militari in queste aree per tutta la durata della pausa e che questo processo inizia oggi", ha detto Kirby. Le pause, che saranno annunciate con tre ore di anticipo, sono emerse da discussioni tra funzionari statunitensi e israeliani negli ultimi giorni, tra cui i colloqui del presidente degli Stati Uniti Joe Biden con il premier israeliano Benjamin Netanyahu, ha aggiunto Kirby.

Mentre infuria la battaglia, migliaia di palestinesi hanno cercato rifugio nell'ospedale Al Shifah all'interno della città di Gaza, nonostante l'ordine di Israele di evacuare l'area che ha accerchiato. Si sono rifugiati nelle tende all'interno dell'ospedale e dicono di non avere un altro posto dove andare. L'ufficio umanitario delle Nazioni Unite Ocha ha dichiarato che Israele ha nuovamente detto ai residenti del nord di spostarsi a sud e che i bombardamenti intorno alla strada principale sono continuati, mettendo in pericolo gli sfollati. "Abbiamo visto corpi decomposti, persone provenienti da auto civili, civili come noi, non auto militari o uomini della resistenza", ha detto Khaled Abu Issa dopo aver attraversato il sud con la sua famiglia a Wadi Gaza.

Continua a leggere su Europa.Today.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalla conferenza di Parigi un miliardo di aiuti per Gaza, Macron: "Serve cessate il fuoco"

Today è in caricamento