Conduttrice Usa prende in giro studente sopravvissuto a sparatoria, lui si vendica: Nestlé e TripAdvisor boicottano lo show

Ben 11 grossi inserzionisti hanno disdetto i loro contratti pubblicitari con lo show di Fox News condotto da Laura Ingraham, rea di aver ironizzato sui risultati scolastici di David Hogg, salvatosi dal massacro di Parkland e divenuto uno dei leader della protesta contro le lobby delle armi

EPA/JIM LO SCALZO

Un 17enne sta mettendo in imbarazzo uno dei giganti dell'informazione statunitensi, Fox News. E rischia di far chiudere i battenti a uno dei suoi programmi di punta, il The Ingraham Angle. Lui si chiama David Hogg, è sopravvissuto alla sparatoria nella scuola di Parkland, dove hanno perso la vita 17 persone, ed è diventato uno dei leader della protesta contro le lobby delle armi. Quando la conduttrice dello show della Fox, Laura Ingraham, lo ha preso in giro su Twitter per i suoi risultati nei test di ammissione al college, il giovane ha replicato invitando gli inserzionisti del programma a ritirare le loro pubblicità: a oggi, 11 grosse aziende, tra cui Nestlé e TripAdvisor, lo hanno fatto. E lo spettacolo è stato sospeso.

La marcia su Washington

La vicenda è sintomatica delle polemiche che stanno dividendo gli Stati Uniti dopo la sparatoia di Parkland e soprattutto dopo la nascita (e la repentina crescita) del movimento anti-armi che lo scorso weekend ha portato migliaia di studenti a marciare su Washington. E' stato proprio nei giorni successivi alla marcia che la conduttrice Ingraham, considerata molto vicina ai conservatori e alla lobby delle armi,  ha avuto la buona idea di attaccare Hogg, scrivendo su Twitter che il giovane era stato “rifiutato da quattro università” e che “piagnucolava” per questo motivo. 

Il boicottaggio

Hogg ha reagito prontamente invitando gli inserzionisti dello show al boicotaggio. I primi a cancellare gli annunci sono stati Nutrish, una linea di alimenti per animali, a cui hanno fatto seguito, tra gli altri, TripAdvisor, Wayfair, Nestlé, Hulu, Expedia e Stitch Fix. Secondo CBS News, altre quattro aziende hanno abbandonato lo show venerdì, tra cui Johnson & Johnson. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le scuse

Ingraham ha provato a scusarsi, ma il danno ormai era fatto. Hogg le ha risposto su Twitter: “Le scuse nel tentativo di salvare i tuoi inserzionisti non sono sufficienti. Accetterò le tue scuse solo se denuncerai il modo in cui la tua rete ha trattato me e i miei amici in questa lotta. È tempo di amare il prossimo, non di prendere in giro i ragazzi”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Svezia non c'è la seconda ondata, l'epidemiologo di Stato: "La nostra strategia è sostenibile"

  • "Chiamatemi Principessa", la figlia illegittima del re vuole i titoli. Ma la Casa reale dice no

  • Altro che furbetti del reddito di cittadinanza, Parigi perde 14 miliardi l'anno per frodi al welfare

  • “Salvini marionetta di Putin”, l'alleato di Berlusconi attacca la Lega

  • Non basta la seconda ondata, Francia alle prese anche con la 'sindrome da post-Covid'

  • La Germania ha deciso: il vaccino per il coronavirus sarà volontario

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento