L'Ue adesso vuole il commissario del Regno Unito

La presidente eletta della Commissione, Ursula von der Leyen, ha inoltrato la richiesta al premier Johnson. Intanto, la Romania sblocca l'impasse indicando due candidati per Bruxelles

Il premier britannico Boris Johnson incontra la presidente eletta della Commissione Ue Ursula von der Leyen

Mentre nel Regno Unito la campagna per le elezioni del 12 dicembre è partita a suon di accuse tra il premier Boris Johnson e il leader dell'opposizione Jeremy Corbyn, Bruxelles ha pensato bene di ricordare a Londra che, finché resteranno nell'Ue, i britannici devono rispettare i loro impegni. A partire dalla nomina del commissario in quota Uk.

La presidente eletta della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha infatti scritto a Johnson per sollecitarlo a nominare al più presto un candidato (e possibilmente una candidata) come membro del nuovo Esecutivo comunitario. Lo ha riferito oggi a Bruxelles la numero due del servizio dei portavoce di von der Leyen, Dana Spinant, durante il tradizionale briefing di mezzogiorno della Commissione. "La presidente eletta - ha detto Spinant - ha inviato una lettera al primo ministro Boris Johnson chiedendogli di proporre uno o più candidati britannici, così come aveva già fatto a luglio con la premier precedente, Theresa May. Ha chiesto di proporre anche una candidata donna, per la parità di genere che si vuole tutelare nella Commissione. Vogliamo - ha aggiunto la portavoce - terminare rapidamente la composizione del collegio dei commissari, che speriamo possa essere sottoposto al voto id fiducia del Parlamento europeo a fine novembre".

Oltre al commissario britannico, che potrebbe restare in carica poche settimane prima della Brexit, fissata per ora al febbraio 2020, la presidente von der Leyen ha sollecitato anche la nomina del candidato rumeno. Trovando la pronta risposta del nuovo premier di Bucarest, Ludovic Orban: anche per venire incontro alle richieste di un equilibrio di genere nella composizione della Commissione, Orban ha indicato due candidati, gli europarlamentari Adina Valean e Siegfried Muresan, una donna e un uomo per l'appunto. Entrambi sono membri del Partito liberale del primo ministro, che al Parlamento europeo fa parte del Ppe. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Venezia, la Lega chiede aiuto all'Ue

  • I Paesi Ue più 'pericolosi' per gli atei? Italia e Spagna

  • "In Italia i centri per migranti sono vuoti". E in 60mila 'fuggono' all'estero

  • Il dietrofront di Farage spinge i Tory che balzano a più 14 punti sui laburisti

  • Elezioni in Romania, sfida al secondo turno tra Iohannis e Dancila. Barna va forte solo all’estero

  • Triste primato per il sud Italia: tra i neo laureati i tassi d'occupazione più bassi dell'Ue

Torna su
EuropaToday è in caricamento